ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Copa America: Argentina ok, Uruguay-Paraguay pari che qualifica. Stasera la verità nel gruppo C
Copa America: Argentina ok, Uruguay-Paraguay pari che qualifica. Stasera la verità nel gruppo C

Copa America: Argentina ok, Uruguay-Paraguay pari che qualifica. Stasera la verità nel gruppo C

Si è concluso il gruppo B di Copa America. Uruguay-Paraguay è 1-1 (entrambe qualificate), Argentina di misura sulla Giamaica. Oggi Brasile-Venezuela e Colombia-Perù.

A La Serena Celeste e Albirroja danno vita al classico biscotto, in salsa sudamericana stavolta. La gara infatti finisce 1-1 ed è un pari che sta bene a entrambi: sia a Oscar Tabarez, che passa da secondo, sia a Ramon Diaz, che accede ai quarti come una delle migliori terze.

In realtà la partita è volata via tra erroracci e falli, belle giocate e infortuni. Con un Cavani ancora in difficoltà e un Hernandez pessimo, l’Uruguay deve ringraziare stavolta un altro suo difensore, Gimenez, per il vantaggio che al 29’ arriva come al solito di testa su calcio da fermo.

Il Paraguay dal canto suo è una squadra che non molla: seconda rimonta dopo quella all’esordio con l’Argentina grazie all’indomabile Pantera, Lucas Barrios, che pareggia con una sua zampata al 44’. Peccato però per il suo guaio muscolare che tiene in apprensione l’Albirroja per le prossime partite.

Argentina invece fa massimo risultato col minimo sforzo. In tanti si aspettavano una goleada contro la matricola Giamaica, e invece alla squadra di Tata Martino – sostituito in panca dal vice Jorge Pautasso – basta il guizzo di Gonzalo Higuain all’11’.

Partita condotta con normale amministrazione e senza strafare, per la Seleccion: con tanti uomini reduci da stagioni logoranti, e anche per evitare il rischio di infortuni, l’Argentina ha preferito non calcare la mano.

https://www.youtube.com/watch?v=i8V30tuSMUU

Anche perché di fronte c’è stata una Giamaica comunque gagliarda, che non ha voluto cedere al ruolo di vittima sacrificale contro i più quotati avversari.

Schafer ha disegnato per i suoi Reggae Boyz un 4-5-1 molto abbottonato che ha tenuto botta al maggior tasso tecnico argentino: due traverse tra Higuain e Di Maria, portiere caraibico Miller in grande spolvero, e alla fine la Giamaica torna a casa dopo aver fatto una figura dignitosissima: certo, 0 punti fatti, 0 gol fatti, ma appena 3 subiti, uno in ogni partita.

Stanotte cala il sipario pure sul gruppo C. Alle 21 ore italiane c’è Colombia-Perù, chiude poi alle 23.30 Brasile-Venezuela. Il bello è che qui è tutto ancora in bilico: tutte e 4 le Nazionali sono infatti appaiate a 3 punti. Chi perde stasera è sicuramente fuori.

Si comincia quindi con la sfida fra Cafeteros e Incas. La Colombia di Pekerman si è rilanciata grazie alla bella vittoria contro il Brasile, ma non avrà a disposizione Carlos Bacca, appiedato per due giornate dopo il battibecco a fine gara con Neymar. Per il resto confermato l’undici vittorioso sui verdeoro.

Anche il Perù si è ripreso alla grande, battendo il Venezuela grazie alla rete dell’eterno suo bomber Claudio Pizarro. L’attaccante del Bayern Monaco dovrebbe essere regolarmente in campo dal 1’. Il ct Gareca ha un solo dubbio a centrocampo tra Lobaton e Reyna, col primo in vantaggio.

PROBABILI FORMAZIONI

COLOMBIA (4-2-2-2): Ospina; Zuniga, Zapata, Murillo, Armero; Sanchez, Valencia; James Rodriguez, Cuadrado; Falcao, Gutierrez. Allenatore: José Pekerman.

PERÙ (4-3-1-2): Gallese; Advincula, Zambrano, Ascues, Vargas; Sanchez, Lobaton, Ballon; Cueva; Guerrero, Pizarro. Allenatore: Ricardo Gareca.

Alle 23.30 a Santiago va in scena Brasile-Venezuela. Per la Selecao si intravede lo spettro di un’eliminazione che sarebbe clamorosa e farebbe il paio con quella del Mondiale giocato in casa.

Dunga ha un dubbio grande quanto una casa: come sostituire Neymar? L’asso del Barca ha praticamente finito la sua Copa America, visti i 4 turni di squalifica. A questo punto il ct dovrebbe impiegare Firmino come attaccante centrale appoggiato dal trio Willina-Coutinho-Douglas Costa.

Nella Vinotinto non ci sarà Amorebieta, espulso nella gara precedente. Al suo posto Sanvincente sceglie Cichero, confermando poi il resto del consueto 4-2-3-1. La difesa brasiliana dovrà ben guardarsi da Rondon, attaccante di grande fisicità.

PROBABILI FORMAZIONI

BRASILE (4-2-3-1): Jefferson; Dani Alves, Thiago Silva, Miranda, Filipe Luis; Fernandinho, Elias; Willian, Coutinho, Douglas Costa; Firmino. Allenatore: Dunga.

VENEZUELA (4-2-3-1): Baroja; Rosales, Vizcarrondo, Tuñez, Cichero; Seijas, Rincon; Vargas, Arango, Guerra; Rondon. Allenatore: Sanvincente.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*