ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Copa America, 2-0 al Paraguay e 4 anni dopo il Perù è ancora terzo

Copa America, 2-0 al Paraguay e 4 anni dopo il Perù è ancora terzo

Dalla finalina di Copa America arriva una gradita conferma: quattro anni dopo, il Perù sale di nuovo sul podio. Merito del 2-0 di Concepcion sul Paraguay. Grandi, Incas.

La selezione di Gareca conquista quindi il meritato 3° posto, proprio come nella scorsa edizione di Argentina ’11: un eccellente risultato, che rispecchia fedelmente la bella Copa America giocata dalla Blanquirroja, caduta solo in semifinale contro il Cile in una gara tra l’altro discutibile, condizionata dal doppio giallo a Zambrano.

Chissà, senza quel rosso, come sarebbe andata a finire… Intanto però il Perù si conferma una squadra validissima, capeggiata dal Barbaro Guerrero e da due-tre elementi di sicuro talento.

Poco può il Paraguay, totalmente rivoluzionato per sette undicesimi da Ramon Diaz dopo il cappotto con l’Argentina ma incapace di rialzare la china dopo il 6-1: quattro anni fa arrivò la sconfitta nella finalissima, stavolta in quella per il 4°.

Il primo tempo corre via lento e noioso: pochissime occasioni nello specchio da una parte e dall’altra. Poi dopo l’intervallo una scintilla rianima il match: ci pensa la “culebra” Carrillo, al 3’ della ripresa, a infilare la porta di Justo Villar su azione da calcio d’angolo e a dare il vantaggio al suo Perù, confermando le potenzialità messe in mostra durante il torneo.

Il Paraguay non ci sta e cerca di impattarla sfiorando il colpo prima su un contrasto Benitez-Ramos, e poi con Ortiz e Bobadilla. Ma il Perù ha il merito di essere cinico e di chiuderla nei minuti finali, grazie a un’azione corale orchestrata da Sanchez per il taglio centrale di Guerrero, fino ad allora in ombra: comodo 2-0 a pochi passi dalla porta.

https://www.youtube.com/watch?v=SMtSC8n8_cQ

Per il Barbaro è il quarto centro in Copa America: raggiunto momentaneamente Edu Vargas in cima alla classifica marcatori del torneo. Anche da questo si capisce che il Perù arriva terzo, ma con qualche rimpianto.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*