ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Luca Paolini positivo alla cocaina: “Mi scuso con tutti”
Luca Paolini positivo alla cocaina: “Mi scuso con tutti”

Luca Paolini positivo alla cocaina: “Mi scuso con tutti”

Una infausta notizia scuote il mondo del ciclismo, proprio durante l’appuntamento clou della stagione. Luca Paolini, uno dei più alti rappresentanti del movimento azzurro – e non solo –  dell’ultimo decennio, è stato trovato positivo ad un metabolita della cocaina (la benzoilecgonina). E’ ciò che riporta L’Equipe, specificando che il controllo in questione risale al 7 luglio, giorno della quarta tappa della Grande Boucle.

La cocaina non è considerata sostanza dopante dall’Unione Ciclistica Internazionale (Uci) e dalla Agenzia Mondiale Antidoping (Wada) al di fuori delle competizioni – ricordiamo tutti il caso Tom Boonen, più volte beccato positivo e sempre graziato – ma durante le corse è da ritenersi vietata. Il Team Katusha, squadra di appartenenza di Paolini – che lo ha convocato per scortare nel corso delle tappe il capitano Alexander Kristoff – ha subito provveduto a sospenderlo; il lombardo, però, avrà facoltà di richiedere le controanalisi sul campione B.

Dopo annate da splendido gregario al servizio di tanti campioni delle due ruote – da Paolo Bettini fino allo stesso Kristoff, il trentottenne milanese si è quest’anno tolto la soddisfazione di aggiudicarsi la classica d’apertura della Campagna del Nord, la Gand-Wevelgem.

Ed ora questa notizia, arrivata come un fulmine a ciel sereno. Da capire se la cocaina sia stata assunta dall’ex corridore di Mapei e Acqua&Sapone a fini dopanti o “ricreativi”.

AGGIORNAMENTO. Affida al suo profilo twitter, Luca Paolini, i suoi pensieri: “Scusate, ma ho dovuto assorbire il colpo!”, esordisce, affermando che era sua intenzione voler “stare in silenzio e risolvere questa cosa per i fatti miei” e non esitando ad assumersi la piena “responsabilità”.  “Mi scuso con tutti [dai compagni all’organizzazione, fino ai tifosi] In questi giorni farò il possibile per capire come sia stato possibile… Ma una cosa tendo a precisarla subito: di cattiveria al mondo c’è n’è a strafare, ma di gente che mi vuole bene c’è n’è ancora di più!”. Mandando candidamente a quel paese “chi critica gratuitamente”, annuncia che non si sottrarrà ad ogni collaborazione con l’UCI per chiarire l’accaduto. “Buona notte ai rosiconi e soprattutto a chi ha dimostrato di essere un amico! Scusate ancora”, sono le sue ultime parole.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*