ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Mosca 2015, Fiamingo d’oro nella spada!
Mosca 2015, Fiamingo d’oro nella spada!

Mosca 2015, Fiamingo d’oro nella spada!

Seconda giornata ai Campionati Mondiali di Scherma di Mosca 2015 e prima medaglia d’oro per l’Italia. A portarla a casa è Rossella Fiamingo che, forte del titolo conquistato dodici anni fa ancora in terra russa (a Kazan), riesce a siglare un fantastico bis nella spada femminile.

Il più bel regalo nel giorno del suo ventiquattresimo compleanno perché soltanto due atlete nella spada sono riuscite finora nella doppietta consecutiva: l’ungherese Marianne Horvath nel 1991 e nel 1992 e la francese Laure Flessel nel 1998 e nel 1999. E c’è di più: con l’oro iridato arriva anche l’oro nella Coppa del Mondo di specialità.

Ad arrendersi alla siciliana in finale è la svedese Emma Samuelsson, che viene letteralmente spazzata via col punteggio di 15-5. Una prova perfetta, che si aggiunge agli assalti dei turni precedenti, come il 15-10 inflitto alla tunisina Sarra Besbes in semifinale o il 15-4 ai quarti contro l’altra azzurra Bianca Del Carretto.

E’ un’emozione fortissima” sono le parole della bicampionessa del Mondo, che ammette come stavolta non credeva nel bis. Con l’orgoglio di chi ha dimostrato come il primo posto dello scorso annonon fu un caso“, svela poi coloro che le hanno portato fortuna: la sua collega Valentina Vezzali e la tennista Francesca Schiavone, che l’hanno incoraggiata prima dell’appuntamento. Di seguito il video dell’intervista dopo la vittoria.

Ottima la prova di Bianca Del Carretto, che cede proprio alla neoiridata ai quarti di finale dopo aver fatto fuori ai trentaduesimi la terza italiana Francesca Boscarelli. La quarta azzurra in gara, Mara Navarria, si è arresa ai sedicesimi alla cinese Anqi Xu.

Buona, ma non ottima, la prestazione degli spadisti. Coloro che più riescono ad andare avanti sono Enrico Garozzo ed Andrea Santarelli, quinto e sesto totali ed entrambi fermati ai quarti di finale, battuti rispettivamente dal sudcoreano Jung Seung Hwa e dal danese Patrick Jorgensen, due atleti molto in giù nel ranking internazionale. Un vero peccato, perché nei turni precedenti i due ragazzi avevano dato prova di una buona forma fisica: Garozzo, numero 1 delle classifiche, aveva superato per 15-12 il cinese Zhang, per 15-7 l’ucraino Herey per 15-7 e per 14-9 il sudcoreano Kweon Youngjun; il secondo, invece, al suo debutto in un Mondiale dopo aver preso parte ai Giochi Europei di Baku 2015, aveva avuto la meglio dell’egiziano Saif per 15-14, del venezuelano Fernandez per 12-11 e per 15-12 dello svizzero Heinzer.

Finisce agli ottavi l’avventura di Marco Fichera per mano del cinese Zhen Li (15-7), dopo che l’azzurro aveva vinto il derby contro Paolo Pizzo per 15-12. oro all’ungherese Imre, che in finale ha la meglio sul francese Grumier per 15-14.

Domani in pedana i ragazzi del fioretto, con grandissime possibilità di medaglia. Questi gli accoppiamenti maschili per i trentaduesimi:

Avola (ITA) – Minuto (Tur)
Cassarà (ITA) – Lahunou (Blr)
Garozzo (ITA) – Samandi (Tur)
Luperi (ITA) – Li Chen (Chn)

E questi i match del Dream Team femminile:
Errigo (ITA) – Liu Yongshi (Chn)
Batini (ITA) – Yanaoka (Jpn)
Vezzali (ITA) – Marino (Esp)
Di Francisca (ITA) – Gimenez (Ven)

In campo, infine, le squadre di sciabola per il primo turno. Le donne (Irene Vecchi, Ilaria Bianco, Rossella Gregorio e Loreta Gulotta) affronteranno la vincente tra Ungheria e Repubblica Dominicana nel tabellone delle 16; gli uomini (Aldo Montano, Diego Occhiuzzi, Enrico Berrè e Luca Curatoli) se la vedranno con la Repubblica Ceca nel tabellone dei 32.


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*