ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie A, l’analisi/1: Juve c’è crisi, dov’è finita la Vecchia Signora?
Serie A, l’analisi/1: Juve c’è crisi, dov’è finita la Vecchia Signora?

Serie A, l’analisi/1: Juve c’è crisi, dov’è finita la Vecchia Signora?

Seconda giornata di Serie A, prima della pausa-nazionali, e già tanti argomenti di discussione. Il primo è la crisi della Juve, livellata dalla Roma non solo nel risultato, ma soprattutto nel gioco.

La vera crisi in bianconero è la prima grande notizia di questo fulminante inizio di stagione. Due sconfitte in altrettante partite, con la partenza flop allo Stadium contro l’Udinese (mai la Signora aveva perso la gara d’esordio della Serie A in casa) e lo stop dell’Olimpico sponda Roma.

Zero punti in 180’: l’ultima volta che la Juve aveva perso le prime due partite di campionato era il 1912 e il girone unico non esisteva ancora. Basterebbe solo questo dato per certificare il debutto da tregenda dei bianconeri.

Dopo la vittoria in Supercoppa, ci si aspettava una Juventus slanciata già verso la conquista dello scudetto. E invece la squadra di Allegri sta mostrando evidenti crepe nelle zone nevralgiche del campo: d’altronde la partenza di tre mostri sacri come Pirlo, Tevez e Vidal difficilmente potrà essere rimpiazzata nel breve.

La Juventus di Allegri ha cambiato pelle, specie fra centrocampo e attacco; ma i tifosi sono già spazientiti con il tecnico livornese, responsabile secondo loro di alcune scelte discutibili.

A tanti non va giù l’esperimento di Padoin regista e l’esclusione dello stesso Pereyra in mediana, e si spinge da una parte per tentare di far coesistere Morata, Dybala e Mandzukic tutti in un colpo solo. Lo stesso Paul Pogba per ora è un lontano parente di quello ammirato nelle ultime tre stagioni: la maglia numero 10 pesa eccome, eppure il francesino dovrà svegliarsi se vorrà meritarsela davvero.

Di certo la Signora deve rimettersi immediatamente in carreggiata: anche perché le altre pretendenti allo scudetto vanno già con la quarta ingranata.

 

https://www.youtube.com/watch?v=4HLG-9hK6EU

A iniziare ovviamente dalla nuova Roma di Garcia, che ha piegato Buffon e compagni non solo nel risultato, ma nel gioco, costringendo la Juve a giocare un primo tempo a dir poco inguardabile e mostrando invece, per proprio conto e in un sol colpo, muscoli e rabbia buoni per ambire al prezioso scudetto.

I giallorossi hanno chiuso il big match in trionfo e con ritrovate convinzioni tricolore: la squadra gira bene, tutti i nuovi si sono integrati alla grande, e con un Pjanic così a centrocampo la manovra è fluida e respira alla grande. Avversari avvertiti, Juve compresa, Juve innanzitutto. Allegri dovrà presto invertire la rotta, per evitare un naufragio.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*