ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > EuroBasket 2015, le rivali dell’Italia: insidie Spagna, Germania e Serbia
EuroBasket 2015, le rivali dell’Italia: insidie Spagna, Germania e Serbia

EuroBasket 2015, le rivali dell’Italia: insidie Spagna, Germania e Serbia

Sabato l’Italia debutterà a EuroBasket 2015: alle 18.00 gara inaugurale con la Turchia. I ragazzi di Pianigiani sono inseriti nel gruppo B: scopriamo gli avversari.

TURCHIA. La nazionale della Mezzaluna vanta appena due argenti, uno all’Europeo del 2001 e l’altro ai Mondiali del 2010, quando finirono clamorosamente secondi battuti solo dal Dream Team USA. La squadra di Ergin Ataman viene però da un disastroso 17esimo posto all’ultima kermesse continentale: fare meglio è l’obiettivo minimo.

La nazionale anatolica dovrà fare a meno certamente di Enes Kanter (Oklahoma Thunder) mentre ci sarà l’altro “americano” Ersan Ilyasova, appena sbarcato ai Detroit Pistons. Inserito nella lista dei preconvocati anche il naturalizzato Bobby Dixon: statunitense con un passato in Italia tra Treviso e Brindisi.

Questa la lista dei preconvocati: Birkan Batuk, Cedi Osman, Dogus Balbay, Furkan Korkmaz, Emircan Kosut, Can Maxim Mutaf, Hüseyin Göksenin Köksal, Kartal Özmizrak, Oguz Savas, Semih Erden, Melih Mahmutoglu, Kenan Sipahi, Sinan Güler, Baris Hersek, Robert Lee Dixon, Akif Egemen Güven, Samet Geyik, Ersan Ilyasova, Ömer Asik. Furkan Aldemir.

I precedenti fra Italia e Turchia sorridono agli azzurri: su 53 partite, il bilancio è a nostro favore per 44-9. Ultima vittoria risale proprio all’ultimo Europeo, 90-75. Curiosità vuole che quella partita fu giocata proprio il 5 settembre, come accadrà quest’anno a Berlino, con Italia-Turchia a dare il via al gruppo B.

 

ISLANDA. È senza dubbio la cenerentola del girone, visto che la Nazionale dell’isola del ghiaccio è alla prima storica partecipazione a una fase finale degli Europei di Basket. L’intenzione massima è quella di non sfigurare, ma sarà dura.

Il giocatore più rappresentativo dell’Islanda allenata dal canadese Craig Pedersen è senza dubbio Jon Stefansson, una carriera fra Spagna e Italia (con qualche stagione passata a Napoli, Roma e Treviso).

Questa la lista ufficiale dei 12 convocati: Jon Stefansson, Hördur Vilhjalmsson, Jakob Sigurdarson, Pavel Ermolinskij, Ragnar Nathanaelsson, Martin Hermannsson, Axel Karason, Helgi Magnusson, Aegir Steinarsson, Logi Gunnarsson, Haukur Palsson, Hlynur Baeringsson.

Ovviamente non ci sono precedenti fra i nostri azzurri e gli islandesi: il primo incontro sarà quello di domenica.

 

SPAGNA. La squadra da battere sarà senz’altro la Roja allenata dal nostro Sergio Scariolo, diventata in questi anni Duemila un’autentica superpotenza non solo a livello europeo, ma mondiale (Campione iridata nel 2006 e 3 argenti olimpici, gli ultimi due nel 2008 e 2012).

Chiaramente c’è voglia di riscatto in casa spagnola, dopo il molto deludente Mondiale giocato in casa che ha visto gli iberici non approdare neppure in semifinale. D’altronde, dal 1999 le Furie Rosse hanno conquistato a livello di Europei ben due ori, due argenti e tre bronzi.

Questa Spagna, insomma, è tanta roba. E le assenze di Marc Gasol, Alex Abrines e Ricky Rubio di sicuro non depotenziano tutto l’arsenale iberico, che ha ovviamente in Pau Gasol la stella assoluta e nei vari Llull, Rodriguez, Fernandez e Mirotic le altre frecce all’arco.

Questa la lista ufficiale dei 12 convocati: Felipe Reyes; Pau Gasol; Rudy Fernández; Víctor Claver; Sergio Llull; Sergio Rodríguez; Fernando San Emeterio; Pablo Aguilar; Pau Ribas; Xavi Rabaseda; Guillem Vives; Nikola Mirotic e Willy Hernangómez.

I precedenti fra Italia e Spagna sono confortanti per noi: il bilancio è di 35-24. L’ultimo successo azzurro è quello dell’Europeo di due anni fa (86-81 dts).

 

GERMANIA. La Nazionale di casa (per il gruppo B) si affida completamente nelle mani e nei cm di Dirk Nowitzki, trascinatore della Germania del basket negli ultimi anni. I bianchi teutonici di Chris Fleming hanno voglia di rivalsa: l’argento nell’Europeo del 2005 è ormai troppo lontano, visti i fallimenti accaduti nel frattempo, e l’aria di casa potrebbe ridare slancio alle prospettive di gloria tedesche.

Questo l’elenco ufficiale dei 12 convocati: Robin Benzing; Anton Gavel; Niels Giffey; Alex King; Maodo Lo; Dirk Nowitzki; Tibor Pleiß; Heiko Schaffartzik; Dennis Schröder; Karsten Tadda; Johannes Voigtmann; Paul Zipser.

Nei precedenti fra Italia e Germania, sicuramente da citare il più recente, che ha sorriso ai tedeschi: nell’ultima gara della Trentino Cup i ragazzi di coach Pianigiani sono stati battuti 69-68, dopo una prestazione comunque convincente.

 

SERBIA. Senza tener conto di Jugoslavia e Serbia&Montenegro e limitando il discorso alla sola Serbia (esordio a Euro2007), la nazionale balcanica di Alexsandar Djordjevic si presenta all’appuntamento mondiale con i favori del pronostico.

L’argento europeo nel 2009 e soprattutto l’argento Mondiale dello scorso anno (sconfitta in finale dagli USA) fanno della squadra biancorossa una delle più serie candidate al titolo finale.

In panchina c’è una vecchia, e mai dimenticata, conoscenza del basket italiano: quel Sasha Djordjevic che a Milano è una leggenda e che a Bologna sponda Fortitudo ricordano ancora alla grande. L’ex cestista serbo l’anno prossimo riprenderà anche la carriera da allenatore di club, sulla panchina del Panathinaikos.

Una squadra a dir poco massiccia e talentuosa, da Bjelica a Bogdanovic, da Milutinov a Markovic; tutti illuminati da Milos Teodosic (CSKA Mosca), che è sicuramente uno dei più esperti e migliori play in giro per l’Europa.

Questa la lista ufficiale dei 12 convocati: Nemanja Bjelica, Bogdan Bogdanovic, Zoran Erceg, Nikola Kalinic, Ognjen Kuzmic, Stefan Markovic, Dragan Milosavljevic, Nikola Milutinov, Nemanja Nedovic, Miroslav Raduljica, Marko Simonovic, Milos Teodosic.

Da quando la Serbia si presenta da sola, i precedenti con l’Italia sono sei e pendono dalla parte dei serbi, che hanno vinto ben 4 volte; l’ultima volta che gli azzurri sono riusciti a batterli è stato nell’amichevole di Trieste giocata nel 2014, 80-71 il finale.

Con la Serbia Datome e compagni giocheranno l’ultima sfida del girone: si spera che gli azzurri possano arrivarci a qualificazione conseguita.

 

Ricordiamo velocemente il calendario delle partite degli azzurri nel Gruppo B (tutte visibili in diretta su Sky Sport 3):

5 settembre: Italia-Turchia (ore 21.00)

6 settembre: Italia-Islanda (ore 18.00

8 settembre: Italia-Spagna (ore 21.00)

9 settembre: Italia-Germania (ore 18.00)

10 settembre: Serbia-Italia (ore 14.30)


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*