ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Italvolley maschile: resurrezione e Rio 2016 in un colpo solo!
Italvolley maschile: resurrezione e Rio 2016 in un colpo solo!

Italvolley maschile: resurrezione e Rio 2016 in un colpo solo!

L’Italvolley maschile nella coppa del Mondo in Giappone ha fatto un’autentica impresa: la Nazionale è risorta e si è qualificata a Rio 2016 in un torneo esaltante. Questa l’analisi.

Poco importa che i ragazzi di Blengini siano finiti secondi alle spalle dei formidabili USA di Speraw, anzi: ieri, dopo aver giganteggiato contro la Polonia, i nostri portacolori avevano creduto a un miracolo firmato Velasco che non è purtroppo arrivato.

Ma poco importa: gli azzurri hanno concluso la manifestazione da secondi (anche nell’ultimo podio, 2003, l’Italvolley finì seconda), ma soprattutto hanno chiuso conquistando il pass olimpico per Rio e per di più davanti a formazioni di blasone storico.

Concludere infatti davanti ai campioni olimpici della Russia e a quelli del Mondo polacchi – due squadre entrambe battute, e con tanto merito, dalla nostra Nazionale nei due scontri diretti – non è solo un risultato prestigioso, ma testimonia tutta la catarsi azzurra.

Dopo il cambio di guida tecnica, con Chicco Blengini a sostituire Mauro Berruto dopo il caos Final Six di World League, l’Italvolley era chiamata a un pronto riscatto auspicato da tutti ma su cui ben pochi credevano.

E invece il gruppo azzurro ha compiuto un vero miracolo sportivo: grazie all’esperienza dei veterani, da Colaci a Zaytsev, da Buti – promosso a capitano dopo la defezione di Lele Birarelli – a Piano e Lanza (tra alti e bassi ma comunque incisivi), fino a un baby che gioca già da grande come Giannelli e a un grande che quando gioca come un giovane spensierato come Sottile, e all’intraprendenza dei nuovi con un nome su tutti, Osmany Juantorena.

La Pantera cubana ci ha messo poco a tingersi di azzurro e a ruggire, nonostante un paio di passaggi a vuoto nella kermesse (come contro gli USA): Juantorena si è perfettamente inserito nei meccanismi del nuovo ct Blengini e ha chiuso in crescendo il suo primo appuntamento importante con la nuova maglia.

Un’arma in più assolutamente da tenere in considerazione, anche perché la Pantera, in tandem con lo zar Zaytsev, è davvero micidiale.

Il commissario tecnico Blengini ha ben figurato, nella sua prima avventura sulla panchina azzurra: non era facile cominciare subito alla grande, e invece l’ex tecnico di Latina – pur tra gli errori evidenti, tipo i 7 cambi fuori regolamento contro gli USA) – è riuscito ad aggregare il gruppo e a condurlo a uno storico secondo posto, mostrando acume tattico e saggezza nella gestione delle energie.

Insomma, quest’Italvolley è davvero rinata: e ora l’approdo a Rio 2016 – per l’undicesima partecipazione di fila a un’Olimpiade – va festeggiato con i migliori auspici, nella speranza che un’altra impresa arrivi, tra poco meno di un anno, al Maracanazinho della città carioca…


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*