ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Tour de France 2016, arriva il Gigante della Provenza: il Mont Ventoux
Tour de France 2016, arriva il Gigante della Provenza: il Mont Ventoux

Tour de France 2016, arriva il Gigante della Provenza: il Mont Ventoux

Per l’ufficialità bisognerà attendere il prossimo 20 ottobre, quando l’Amaury Sport Organization svelerà l’intero percorso ufficiale, ma appare già certo che il Tour de France 2016 potrà contare su una delle vette mitiche della storia del ciclismo, il Mont Ventoux.

È il quotidiano transalpino La Provence a lanciare l’indiscrezione, secondo cui sarebbe già firmato l’accordo tra gli organizzatori ed il sindaco del comune di Bedoin, Luc Reynard, per il transito della corsa dal versante sudovest, quello che presenta un’altitudine di 1912 metri e una lunghezza di 20 km, con una pendenza media dell’8%.

E tutto ciò avverrebbe nel giorno più amato da ogni francese, il 14 luglio, in cui si ricordano la Presa della Bastiglia e l’inizio della Rivoluzione del 1789.

“Colui che si vede da lontano”, è il significato del suo nome in lingua occitanica: la sua maestosità, da cui l’appellativo Gigante della Provenza, lo rende in effetti l’indiscusso protagonista delle Alpi sudoccidentali, con il suo scenario desolato e scosceso, ma al tempo stesso affascinante.

Al Ventoso sono legate pagine letteratura e storia, dall’ascesa del poeta Francesco Petrarca nel 1336 fino alle esplorazioni scientifiche nel secolo dei Lumi. Al Ventoso si devono anche indimenticabili pagine di ciclismo. Sono quindici, infatti, i precedenti di scalata al Tour de France, nove dei quali coincisi con l’arrivo di tappa: da Charly Gaul nel 1958 fino a Chris Froome nel 2013.

Certamente leggendaria quanto drammatica la morte di Tommy Simpson nel 1967 a 2 km dalla vetta, per un arresto cardiaco provocato da eccessiva fatica, disidratazione e utilizzo di sostanze dopanti avvenuto poco prima della gara.

Certamente impressa nella memoria, per i colori italiani, la straordinaria affermazione di Marco Pantani al Tour de France 2000, col Pirata che tentava l’assalto alla classifica generale in mano a Lance Armstrong.

Il Tour de France ed il ciclismo intero sono dunque legati a questa salita. E siamo certi che anche il prossimo anno sarà assicurato lo spettacolo.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*