ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie A, Lazio-Milan 1-3: rossoneri quinti, ora Miha viaggia
Serie A, Lazio-Milan 1-3: rossoneri quinti, ora Miha viaggia

Serie A, Lazio-Milan 1-3: rossoneri quinti, ora Miha viaggia

Il primo posticipo dell’11ᴬ giornata di Serie A suona così: Lazio-Milan 1-3. I rossoneri sbancano l’Olimpico, colgono il terzo successo di fila e salgono al quinto posto.

Risultato giusto e meritato per la squadra di Sinisa Mihajlovic, che finalmente comincia a vedere la luce in fondo al tunnel dopo tanto annaspare: con quella di stasera, il Diavolo inanella la terza vittoria consecutiva, dieci punti considerando le ultime quattro, e si ritrova in una posizione di classifica più consona al suo blasone.

Frenata improvvisa e drastica invece per la Lazio: primo k.o. stagionale interno dopo 8 vittorie in altrettante uscite. Squadra di Pioli apparsa non all’altezza della serata: scarsissimo il giro palla e poche conclusioni nello specchio.

Paura durante la partita per Alex: il brasiliano sviene dopo una gomitata fortuita di Kucka in mischia; il milanista perde conoscenza per qualche secondo, poi si riprende ed esce in barella. Trasportato al Gemelli per accertamenti, si attendono notizie sulla sua salute, che però non è in pericolo.

Il Milan comunque c’è, eccome: gli squilli di Bertolacci (poi uscito per guai muscolari), Mexes e Bacca certificano che i rossoneri stanno tornando grandi. Belle e convincenti le prove di Bonaventura (due assist e tanta qualità) e Cerci (alla sua seconda dal primo minuto, propizia il vantaggio iniziale e colpisce pure un palo), oltre al solito Bacca ormai sempre più decisivo per i destini della squadra di Berlusconi.

Da sottolineare la rete del difensore francese, che qui nello scorso gennaio fu protagonista di una sceneggiata violentissima per la “cravatta” su Mauri e che si è dunque ripreso la scena con la giusta rivincita.

Inutile invece il gol finale di Kishna, entrato al posto di uno spento Candreva ancora in ritardo di condizione. Domenica poi c’è il derby: e lì per gli uomini di Pioli le motivazioni saranno diverse, tutta un’altra partita.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*