ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Capecchi, nuova avventura in Astana per ritrovare serenità ed entusiasmo
Capecchi, nuova avventura in Astana per ritrovare serenità ed entusiasmo

Capecchi, nuova avventura in Astana per ritrovare serenità ed entusiasmo

Si infoltisce la già nutrita pattuglia azzurra all’interno dell’Astana in vista della stagione 2016. L’ultimo acquisto della formazione kazaka risponde al nome di Eros Capecchi, che lascia il Team Movistar dopo tre stagioni certamente sotto le sue e le nostre aspettative.

Approdato alla corte di Eusebio Unzue nel 2013, dopo due promettentissime annate in maglia Liquigas, il corridore nato a Castiglione del Lago non è poi riuscito a confermare quanto di buono messo in mostra precedentemente, sia per esser stato costretto troppe volte a curare gli interessi di altri uomini all’interno della squadra spagnola, sia per essere incappato in diversi problemi fisici che ne hanno evidentemente minato le prestazioni.

Quest’anno ho corso molto poco, anche assistendo, in determinate occasioni, a cambiamenti di programmazione all’ultimo minuto”, è il suo disappunto lasciato trasparire in un’intervista al portale francese Cyclism’Actu. Ed è per questo motivo che ha accolto con grande entusiasmo l’interesse di una forte formazione come la Astana, che vanta all’interno ben dieci azzurri, tra cui leader del calibro di Fabio Aru e Vincenzo Nibali, oltre ad avere in cabina di regia un manager esperto come Giuseppe Martinelli.

Ho scelto la Astana perché troverò un gruppo con cui ho già lavorato in precedenza e che spero mi faccia riscoprire il vecchio Eros Capecchi“, dice speranzoso il ventinovenne umbro, che poi aggiunge: “Ho lavorato per Quintana e Valverde, come in passato per altri capitani. Sono un corridore completo, che sa sacrificarsi, ma che può dire anche la sua quando le circostanze lo richiedono. Darò il 100%“.

Sarà annuale la durata del contratto che lo legherà al team diretto da Alexandre Vinokourov ed il perché di questa scelta ce lo spiega il diretto interessato: “Sarà uno stimolo a dare il meglio di me stesso“. Desideroso di ritrovare la giusta serenità, e magari il feeling con la vittoria che manca dal GP Lugano 2012, Capecchi conoscerà i vecchi e nuovi compagni nel primo ritiro stagionale previsto per la fine del mese di novembre, nel corso del quale saranno stilati anche i programmi relativi all’intera stagione.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*