ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Cavendish, nuove ambizioni tra strada e pista
Cavendish, nuove ambizioni tra strada e pista

Cavendish, nuove ambizioni tra strada e pista

Cambia aria e casacca Mark Cavendish. Dopo tre stagioni vissute in Etixx-QuickStep, lo sprinter britannico ripartirà da una formazione in forte ascesa, pronta ad entrare nel circuito WorldTour dopo due anni trascorsi tra le Professional.

Si tratta della Dimension Data, conosciuta finora come MTN Qhubeka, prima squadra africana professionistica della storia, già quest’anno autrice di ragguardevoli prestazioni al Tour de France e alla Vuelta a Espana. Il general manager Douglas Ryder ha convinto Cannonball a far parte del nuovo progetto, assieme ad alcuni dei suoi più fidati gregari che andranno a comporre il treno delle volate: da Mark Renshaw, con lui nelle ultime stagioni, fino a Berbard Heysel, ex compagno ai tempi della HTC.

Sarà con loro che il corridore dell’Isola di Mann vorrà lasciare il segno nel 2016. E gli obiettivi da conseguire sono ambiziosi. La priorità è battere il record di vittorie al Tour de France: attualmente l’ex campione iridato di Copenaghen 2011 è fermo a quota 26, mentre il primatista Eddy Mercks comanda la speciale classifica con 32 successi. Sei lunghezze difficilmente recuperabili nel giro di una stagione, ma la volontà del trentenne corridore è di conseguire la meta in tre anni, ovvero quelli con cui sarà legato alla sua nuova squadra.

E poi ci sarà il ritorno al suo vecchio amore, la pista. Nel madison ha già conquistato due ori mondiali nel 2005 e nel 2008 e, nell’anno che coinciderà con i Giochi Olimpici di Rio 2016, la speranza di entrare nella selezione britannica che volerà in Brasile è alta. È per questo motivo che Manx Missile sarà al via della seconda tappa di Coppa del Mondo di scena a Hong Kong ad inizio dicembre: riprendere il feeling con il velodromo gli permetterà di valutare le sue effettive chances di far parte della spedizione olimpica.

Nuova squadra per nuovi traguardi, dunque: i giovani della velocità scalpitano, ma Mark Cavendish vorrà dimostrare che davanti a sé il futuro è ancora roseo.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*