ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > Premier League: Ranieri cade, Arsenal-figuraccia, che crollo Van Gaal!
Premier League: Ranieri cade, Arsenal-figuraccia, che crollo Van Gaal!

Premier League: Ranieri cade, Arsenal-figuraccia, che crollo Van Gaal!

Botti di Natale, in Premier League: Boxing Day spettacolare. Delle prime tre vince solo il City: perde il Leicester di Ranieri, così l’Arsenal. Utd al 3° k.o. di fila.

Dopo aver inanellato 10 risultati utili di fila le Foxes del tecnico italiano si arrendono a Liverpool contro i Reds di Jurgen Klopp: decide al 63’ una spaccata di Benteke, che poi al 95’ a porta letteralmente sguarnita a causa dell’ultimo assalto del Leicester si divora il 2-0.

Era dal 2-5 contro l’Arsenal datato 26 settembre che il Leicester non perdeva: da allora la premiata ditta Vardy&Mahrez aveva fatto scintille vincendole praticamente tutte fino al k.o. – comunque onorevole – di Anfield Road, il primo esterno in campionato.

Ranieri comunque può anche non preoccuparsi: il suo Leicester resta primo, visto che l’Arsenal di Wenger dopo aver vinto il big match col City di lunedì scorso crolla paurosamente 4-0 a Southampton. I Saints passeggiano tranquillamente sui blu-dorati di Wenger: in rete Martina e Shane Long con una doppietta, intervallata dall’incornata di José Fonte.

Una dura lezione, per i Gunners londinesi: uno schianto dopo 3 vittorie consecutive che rimette momentaneamente al ribasso le quotazioni da Premier dell’Arsenal, che con una vittoria avrebbe potuto scavalcare proprio il Leicester in testa alla classifica.

E così, a godere più di tutti, è il Manchester City – che oggi è di Pellegrini, ma domani sarà di Pep Guardiola: 4-1 al Sunderland, in una partita che vede il nuovo crack subito da Vincent Kompany, out 8’ dopo il suo ingresso in campo.

La vittoria però se non altro avvicina i Citizens al Leicester: un-due-tre micidiale in appena 20’ che annichilisce il portiere italiano dei Black Cats Mannone, che nella prima mezz’ora raccoglie in fondo al sacco i “regali” di Sterling, Yaya Tourè e Bony; poi l’acuto di De Bruyne e il gol della bandiera di un altro italiano, Fabio Borini.

L’altra parte di Manchester al contrario piange, soffre e s’indigna: lo United conosce il 3° k.o. di fila, perdendo pure in casa dello Stoke. Al Britannia finisce 2-0 con le reti di due vecchie conoscenze del calcio italiano: Bojan Krkic e Marko Arnautovic.

Van Gaal praticamente è al capolinea: nervi tesi nei giorni scorsi con la stampa, in campo i suoi Red Devils sembrano averlo abbandonato – da 54 anni la Manchester in rosso non perdeva 4 gare ufficiali consecutivamente. La soluzione potrebbe essere il cambio di allenatore: si parla tanto di Mourinho; attendere per vedere.

Ok invece il Tottenham: 3-0 al Norwich con la doppietta del solito Kane e 4° posto assicurato. Capitolo Chelsea: i Blues non riescono a festeggiare il ritorno in panchina di Hiddink pareggiando in casa 2-2 col Watford. Inutile la doppietta del redivivo Diego Costa: Deeney e Ighalo la impattano, nella gara che vede Oscar fallire il rigore della possibile vittoria.

Nelle altre partite di giornata 1-1 tra Aston Villa e West Ham (l’italiano Ogbonna “concede” il rigore del pari ai Villans); 1-0 dello Swansea al WBA così come dell’Everton, in extremis, in casa del Newcastle. Unico 0-0 di giornata fra Bournemouth e Crystal Palace.

Per marcatori e classifica consulta il nostro livescore.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*