ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Australian Open 2016, day 6: tra sorprese e tensioni
Australian Open 2016, day 6: tra sorprese e tensioni

Australian Open 2016, day 6: tra sorprese e tensioni

Salta ancora qualche big agli Australian Open 2016, primo Slam della stagione in corso sul complesso in cemento di Melbourne. A lasciare il Major oceanico è Garbine Muguruza, testa di serie numero 3, che viene letteralmente spazzata via dalla ceca Barbara Strycova: 63 62 i parziali in favore di quest’ultima, che apre un importante varco nel suo spicchio di tabellone.

Se l’eliminazione della bella spagnola è la novità di maggior rilievo della giornata, da sottolineare gli attimo di paura sulla Rod Laver Arena nel corso del match tra Ana Ivanovic e Madison Keys. Nigel Sears, coach della serba, ha accusato un malore dagli spalti ed è stato subito trasportato in ambulanza all’ospedale di Melbourne, dove i medici hanno dichiarato che il paziente è parso subito vigile ed è quindi sotto controllo.

Per la cronaca il match è stato vinto in rimonta dalla giocatrice statunitense per 46 64 63. Uscita di scena anche la numero nove Karolina Pliskova, messa Ko da Ekaterina Makarova (21), mentre appare davvero in splendida forma Viktoria Azarenka, che lascia appena due game ad Osaka Naomi. Avanti anche Angelique Kerber.

Fa il suo dovere Andy Murray, testa di serie numero 2 del seeding maschile, che lascia un set al portoghese Joao Souza, ma poi chiude facilmente e corre in ospedale a trovare Nigel Sears, suo suocero. Bene Stanislas Wawrinka, che pur con qualche brivido chiude la pratica contro il ceco Lukas Rosol, benissimo Milos Raonic, tra i più in forma in quest’inizio di stagione, che elimina Viktor Troicki. Avanti anche lo spagnolo David Ferrer e il francese Gael Monfils. Il pubblico di casa applaude Bernard Tomic, che batte il connazionale Milman.

Per tutti i risultati in tempo reale, vi ricordiamo di consultare costantemente la nostra sezione Live, dove troverete non soltanto tennis, ma anche molto altro.


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*