ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > Premier League: Ranieri, credici! Arsenal k.o. a Old Trafford
Premier League: Ranieri, credici! Arsenal k.o. a Old Trafford

Premier League: Ranieri, credici! Arsenal k.o. a Old Trafford

Leicester e Ranieri, ora potete/dovete crederci: la domenica di Premier League regala la conferma dei 3 punti di vantaggio sull’Arsenal che va k.o. 3-2 con lo United del baby Rashford, alla seconda doppietta in 4 giorni.

Alle Foxes toccava il meritato risposto, dopo aver vinto all’ultimo ieri contro il Norwich. Due settimane fa fu l’Arsenal a gioire al 91’ con Welbeck; stavolta invece è stato Ulloa all’89’ a regalare ai ragazzi in blu un altro weekend da capogiro.

Confermato poi dallo sballo andato in scena oggi all’Old Trafford, con il Manchester United che ha affossato l’Arsenal come gli succede ormai da quasi 10 anni (dal 2006 i Gunners non sbancano la tana dei Devils).

Vardy, Mahrez e compagni ringraziano e alla grande il baby Marcus Rashford, due doppiette fra giovedì e domenica e la vita cambiata in 72 ore. Due gol in tre minuti, uno in mischia l’altro di testa, fra 29’ e 32’, che hanno messo in discesa la gara per il redivivo Van Gaal (grottesca la sua sceneggiata a terra per mimare una simulazione di Alexis Sanchez).

L’Arsenal ha provato a rimettersi in piedi con la capocciata dell’ex Danny Welbeck al 40’ e con Ozil al 69’, quando lo United aveva già triplicato con Herrera, botta micidiale sull’assist indovina di chi? ancora del baby prodigio del vivaio Devils, uscito poi fra gli applausi scroscianti di tutto l’Old Trafford: roba riservata ai soli campioni, e a lui che sembra un predestinato del pallone.

I Gunners precipitano così a -5 dal Leicester di Ranieri, e vedono scappare pure il Tottenham, che ha rimontato lo Swansea e ora è da solo al secondo posto a -2 dalla vetta. Dopo la scorpacciata di Europa League con la Fiorentina, gli Spurs si sono ripetuti battendo in rimonta lo Swansea degli italiani Guidolin e Paloschi.

È stato proprio l’ex Chievo a portare avanti i gallesi al 19’; il vantaggio sembrava reggere all’assalto rabbioso del Tottenham, con Fabianski decisivo in molte occasioni; poi però Chadli al 70’ e Rose al 77’ hanno ribaltato la situazione a vantaggio di Pochettino.

Attualmente sono proprio gli Spurs i veri anti-Leicester; la classifica recita così: Leicester 56 punti, Tottenham 54, Arsenal 51. In Inghilterra continueranno a divertirsi ancora.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*