ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie B, il punto dopo la 33ᴬ: la vetta, una poltrona per due
Serie B, il punto dopo la 33ᴬ: la vetta, una poltrona per due
Foto Lapresse

Serie B, il punto dopo la 33ᴬ: la vetta, una poltrona per due

Brescia-Novara 0-0 e Salernitana-Bari 3-4 hanno chiuso il turno prepasquale di Serie B. Ora si fa il punto in vista del rush finale: vetta, zone playoff e playout; tutto da decidere negli ultimi 9 turni. Questa la prima parte.

Prima un veloce passo indietro ai posticipi di ieri: si muove tutto eppure non cambia niente fra Novara e Brescia, che fanno 0-0 in mezzo a un gioco spumeggiante e a mille emozioni da una parte e dall’altra. Baroni e Boscaglia possono dirsi soddisfatti: rondinelle e azzurri gaudenziani possono giocarsi la promozione fino alla fine.

I gol invece arrivano, e piovono a grappoli, all’Arechi: Salernitana-Bari finisce 3-4 fra due squadre gemellate ma con diversi obiettivi. Seconda sconfitta consecutiva in casa per i granata campani; i galletti di Camplone ora invece sono terzi possono ancora fare la voce grossa nella corsa verso la Serie A.

Gara che si accende sul finale di primo tempo con il botta e risposta Dezi-Donnarumma. Nella ripresa il match esplode: segnano prima Sansone e Maniero, poi la Salernitana ha un sussulto d’orgoglio e pareggia con Coda e Donnarumma, ma un minuto dopo Dezi marca la sua doppietta: 5 gol in 12’. La pazzia della Serie B è tutta qui: finisce 3-4.

Dopo il ragguaglio, ecco l’analisi della situazione.

VETTA (PROMOZIONE DIRETTA) – sembra l’unica questione già chiusa. Nel senso che a giocarsi i primi due posti sono Cagliari e Crotone, che stanno facendo staffetta dal periodo di Natale in testa alla classifica di Serie B.

Che i sardi di Rastelli fossero “condannati” a vincere il campionato cadetto a inizio stagione era cosa scontata; nessuno però si aspettava l’exploit per i calabresi di Juric, che sognano un’incredibile promozione in Serie A. La faccenda-primato è roba per Cagliari e Crotone: una poltrona per due chiamata massima serie.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*