ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Under 21, alle 18.30 Andorra-Italia: gli azzurrini non possono sbagliare
Under 21, alle 18.30 Andorra-Italia: gli azzurrini non possono sbagliare
Foto LaPresse

Under 21, alle 18.30 Andorra-Italia: gli azzurrini non possono sbagliare

Dopo il convincente poker in terra irlandese, l’Italia Under 21 riparte da Andorra per compiere un altro passo sulla strada della qualificazione a Euro 2017. Azzurrini per rimanere imbattuti, inanellare un altro successo e crescere ancora.

L’Under 21 azzurra si è comportata da autentica padrona del proprio raggruppamento, il girone B, dando 3 e 4 lunghezze di vantaggio su Serbia e Slovenia. Con quattro partite al termine, compresa la sfida di oggi ad Andorra La Vella, la nazionale di Gigi Di Biagio è davvero sulla strada giusta per chiudere il gruppo da prima classificata e volare in Polonia l’anno prossimo.

L’obiettivo ovviamente è quello di far dimenticare definitivamente l’ultima nefasta edizione dell’Europeo 2015. Finora però c’è da dire che l’Under 21 si è comportata davvero bene, dando tanti risultati positivi e mettendo in mostra alcuni prospetti molto interessanti.

Da ultimo Gigio Donnarumma, che con i suoi 17 anni è diventato il più giovane esordiente nella storia della Nazionale Under 21 italiana. Di Biagio può davvero sorridere: gli azzurrini che si stanno plasmando fra le sue mani meritano davvero fiducia ed entusiasmo.

Alla sfida odierna contro gli agevoli andorrani è previsto qualche avvicendamento in attacco: con l’inamovibile Berardi ci saranno Cerri e Ricci, attaccanti rispettivamente di Cagliari e Crotone e due fra le note più positive della Serie B italiana.

Cambio anche sulla fascia sinistra di difesa: fuori Barreca, dentro il rientrante Adam Masina.

ANDORRA (4-4-2): Silveiro; Rubio, Jimenez, Rebes, Pomares; Nazzaro, Ferrè, Villagrasa, Matos; A.Sanchez, Martinez. All. Ruiz

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Conti, Romagnoli, Caldara, Masina; Benassi, Mandragora, Cataldi; Berardi, Cerri, Ricci. All. Di Biagio


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*