ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Route Adélie de Vitré 2016, Coquard rispetta il pronostico
Route Adélie de Vitré 2016, Coquard rispetta il pronostico

Route Adélie de Vitré 2016, Coquard rispetta il pronostico

Tutto come previsto alla Route Adélie de Vitré 2016: ad imporsi nella corsa in linea francese nata nel 1996 è Bryan Coquard, che bissa così il successo ottenuto due anni orsono sullo stesso traguardo. Alle spalle del corridore militante nella Direct Energie si piazzano Clément Venturini (Cofidis) e Samuel Dumoulin (AG2R La Mondiale).

Basta attendere pochi chilometri dalla partenza da Vitré affinché la fuga prenda piede: ne fanno parte Peter Koning (Drapac Professional Cycling), Manuel Schreiber (Team Vorarlberg) eKévin Lebreton (Equipe Cycliste Armée de Terre), sui quali prova – invano – a rientrare Martin Kohler (Team Roth).

Sei minuti il vantaggio  massimo dei battistrada sul gruppo guidato da Direct Energie e Fortuneo-Vital Concept: il gap si annulla ai 50 km al traguardo, quando però una seconda azione muove nuovamente la corsa. Prima Cyril Gautier (AG2R La Mondiale), poi Flavien Dassonville (HP BTP – Auber93), Arnaud Gerard (Fortuneo – Vital Concept), Rayane Bouhanni (Cofidis), Romain Combaud (Delko Marseille Provence KTM), Alexis Bodiot (Equipe Cycliste Armée de Terre) e Baptiste Planckaert (Wallonie – Bruxelles) e l’italiano Daniele Ratto (Androni – Sidermec) provano ad evitare l’arrivo a ranghi compatti.

Ma anche quest’ultimo tentativo fallisce e così si arriva in volata, dove Bryan Coquard fa valere il suo spunto da pistard e pone la sua ruota davanti a quella di tutti gli altri. A completare il podio, i due connazionali Venturini e Dumoulin, con quest’ultimo impostosi esattamente dieci anni fa nella corsa. Il weekend francese si conclluderà domenica con la più antica Parigi-Camembert.

Ordine d’arrivo:

1 Bryan Coquard (Direct Energie)
2 Clément Venturini (Cofidis)
3 Samuel Dumoulin (AG2R La Mondiale)
4 Yannis Yssaad (Armée de Terre)
5 Armindo Fonseca (Fortuneo-Vital Concept)


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*