ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Internazionali d’Italia 2016, è già ecatombe di italiani
Internazionali d’Italia 2016, è già ecatombe di italiani

Internazionali d’Italia 2016, è già ecatombe di italiani

1 su 8: questo il magrissimo bottino dei tennisti azzurri nella prima giornata degli Internazionali d’Italia 2016, apertisi poche ore fa sulla terra rossa del Foro Italico. A salvare la pelle il solo Andreas Seppi, attendendo chi debutterà nella giornata di domani al prestigioso ATP Masters 1000/Wta Premier.

Andreas Seppi al secondo turno, dunque. Il trentaduenne altoatesino, #42 Atp e al rientro dopo l’operazione all’anca, batte con un doppio 76, in due ore scarse di gioco, il canadese Vasek Pospisil, #46 Atp. Chi va molto vicino ad una vera impresa è il giovane torinese Lorenzo Sonego, #333, che tiene per tre ore testa al portoghese Joao Sousa, #30 Atp, arrivando a condurre per 5-4 nel terzo e decisivo set: alla fine arriva a spuntarla il lusitano, ma ottima, ad ogni modo, l’impressione dell’azzurro.

Pessimo Fabio Fognini: sul Centrale, il numero uno azzurro (#31 atp) fa una brutta figura contro lo spagnolo Guillermo Garcia Lopez, conquistando un solo gioco nel primo parziale e perdendo al tie break il secondo. Nulla da fare per Salvatore Caruso, che poco può contro l’australiano Nick Kyrgios, il quale concede appena tre game al nostro rappresentante. Ben si comporta, invece, Marco Cecchinato, che non soffre di timori reverenziali nei confronti di Milos Raonic e si arrende solo dopo aver lottato per tre set (64 46 64 lo score finale). I giustizieri dei due azzurri si affronteranno ora in un secondo turno che già promette scintille.

Domani toccherà a Paolo Lorenzi e Filippo Volandri: il trentaquattrenne senese, #53 Atp, se la vedrà con l’iberico Roberto Bautista Agut, #17 Atp, mentre il secondo, proveniente dalle qualificazioni, dove ha superato all’ultimo atto un osso duro comoe Radek Stepanek, incrocerà l’altro spagnolo David Ferrer, #9 Atp

Brutta giornata per le azzurre fuori, in un colpo solo, Sara Errani, Francesca Schiavone e Karin Knapp. Ci si attendeva certamente di più dalla romagnola, uscita di scena sul Grandstand per mano della britannica Heather Watson: 64 36 60 il punteggio finale che costa caro alla finalista di Roma 2014, ancora in cerca di una condizione fisica accettabile. L’unica testa di serie azzurra rimasta in tabellone è ora Roberta Vinci, che esordirà al secondo turno contro la vincente del match tra la britannica Johanna Konta e la svedese Johanna Larsson.

Merita il palcoscenico del Centrale, Francesca Schiavone, ma il suo diciannovesimo Internazionale d’Italia a cui prende parte si conclude dopo poco più di un’ora a causa della sconfitta subita dalla ceca Lucie Safarova, impostasi per 63 62. Finisce Ko sul Pietrangeli Karin Knapp doppio 26 per mano di un’altra giocatrice ceca, Barbora Strycova.
In gara anche Claudia Giovine, #423 Wta, cugina di Flavia Pennetta (a cui domani la WTA dedicherà una festa sul Centrale), che dovrà vedersela domani contro la statunitense Christina McHale.

Tutti i risultati in tempo reale su Mondiali.net/live.

Qui il programma di martedì 10 maggio.


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*