ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Internazionali: Federer e Wawrkina sconfitti; ok Nadal, Djoko pure ma a fatica
Internazionali: Federer e Wawrkina sconfitti; ok Nadal, Djoko pure ma a fatica

Internazionali: Federer e Wawrkina sconfitti; ok Nadal, Djoko pure ma a fatica

Si ferma agli ottavi il cammino di Roger Federer agli Internazionali Bnl d’Italia. Lo svizzero numero 2 al mondo, non in condizioni ottimali, si arrende all’austriaco 22enne Dominic Thiem in due set: 7-6 (2) 6-4. Prosegue invece il cammino di Rafa Nadal: vittoria con Nick Kyrgios. Fra le donne bene Serena Williams: in scioltezza 7-6 6-1 contro la McHale.

Re Roger si inchina alle difficoltà fisiche e ai timori per un nuovo infortunio e cede il passo al giovanissimo austriaco, che ora se la vedrà con il giapponese Nishikori, 6-1 6-4 al francese Gasquet.

Abbandona Roma anche lo “svizzero numero 2”: Stan Wawrinka, vincitore del Roland Garros 2015, finisce sconfitto 6-7 6-3 6-4 per mano dell’argentino Juan Monaco.

Vanno invece decisamente meglio gli altri tre tenori del circuito internazionale. A iniziare da Rafa Nadal, che batte l’australiano Nick Kyrgios con il punteggio di 6-7(3) 6-2 6-4 dopo una battaglia durata oltre due ore e mezza. Il maiorchino testa di serie numero 5 del torneo ora avrà un avversario ancor più di lusso.

Un certo Novak Djokovic: ma che spavento per il talento serbo, che contro il brasiliano numero 57 al mondo Thomas Bellucci conosce uno smacco colossale, visto che il primo set si conclude 0-6 a svantaggio del 28enne di Belgrado.

Un affronto che poi si tramuta in benzina buona per la vendetta: Nole vince gli altri due set, 6-3 6-2, e si aggiudica la sfida con Nadal. Sarà già una finale anticipata: quest’anno il tabellone degli Internazionali ha deciso così.

Bene anche Andy Murray, 6-0 6-4 al francese Chardy; mentre va fuori David Ferrer battuto 6-4 6-1 da Pouille, che festeggia l’entrata ufficiale fra i primi 50 del ranking.

Nel tabellone femminile, tutto da normale amministrazione, con Serena Williams e Garbine Muguruza ai quarti di finale; si interrompe invece l’avventura di Johanna Konta, carnefice di Roberta Vinci, superata dalla giapponese Misaki Doi.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*