ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Giro d’Italia 2016: Nibali, è un bis memorabile! Le tappe della cavalcata rosa
Giro d’Italia 2016: Nibali, è un bis memorabile! Le tappe della cavalcata rosa
Vincenzo Nibali vince il Giro d'Italia 2016. Foto: ANSA - PERI / DI MEO / ZENNARO

Giro d’Italia 2016: Nibali, è un bis memorabile! Le tappe della cavalcata rosa

Non il più importante, probabilmente – indossare la maglia gialla a Parigi rappresenta il sogno massimo di ogni ciclista – ma certamente il più emozionante per come è arrivato: ha qualcosa di speciale il Giro d’Italia 2016 portato a casa da Vincenzo Nibali, il secondo della carriera dello Squalo dopo la vittoria del 2013. Una cavalcata rosa estremamente ardua, irta di difficoltà, ma che con l’estro del campione – ecco cosa differenzia un ottimo corridore da un fuoriclasse – ha saputo portare a termine da trionfatore.

Ripercorriamo, dunque, le tappe più significative di questo bellissimo viaggio durato tre settimane. Partenza da Apeldoorn: Vincenzo, favorito numero uno della vigilia, sembra già indirizzare in suo favore la corsa, infliggendo pochi ma preziosi secondi agli avversari in pochi chilometri contro il tempo. Tutto facile? Non proprio: alle prime asperità, le prime difficoltà. Arrivo in salita di Roccaraso, settima tappa: il leader dell’Astana scatta, ma riceve uno schiaffo da Tom Dumoulin, che guadagna su di lui 19″.

nibali

Vincenzo Nibali. Foto: ANSA – PERI / DI MEO / ZENNARO

L’olandese si perde per strada, qualche giorno dopo – così come si perde per strada uno dei maggiori contendenti alla vittoria finale, Mikel Landa – ma ecco che spunta un altro neerlandese, in occasione del tappone dolomitico di Corvara. Una scoppola per il siciliano, quella subita da Steven Kruijswijk, non tanto per il dazio pagato – 35″ – quanto per il negativo risvolto morale che emerge in tutta chiarezza il giorno successivo, quando è in programma la scalata all’Alpe di Siusi. Stavolta sì che il cronometro parla chiaro: 2’10” di ritardo da una maglia rosa che sembra padrona della corsa e si avvia ad un’ultima (forse trionfale) settimana.

In effetti, dopo l’ultimo giorno di riposo, le difficoltà per il campione italiano non accennano a placarsi: ad Andalo è la resa e si vocifera pure un possibile ritiro anticipato dovuto a chissà quali implicazioni fisiologiche (che gli esami effettuati prontamente smentiscono). È la testa, Vincenzo, quella testa non sincronizzata col corpo, quella testa che, però, decide di scrollarsi di dosso tutte le paure dopo la consapevolezza di essere ormai fuori dai giochi.

nibali

Vincenzo Nibali vince il Giro d’Italia 2016. Foto: ANSA – PERI / DI MEO / ZENNARO

Due soli giorni ad alta quota per lasciare il segno in un Giro davvero deludente. È la tappa di Risoul, la 19^: Steven Kruijswijk butta ogni ambizione capitolando tra la neve nella discesa del Colle dell’Agnello; Nibali si trova davanti con Esteban Chaves, pennella le curve con precisione e dà tutto sull’ascesa finale: vince, si commuove e riapre un Giro già chiuso, riportandosi a 43″ dal colombiano, nuovo leader.

Questa la ricostruzione dell’atleta italiano: “Correre sopra i 2000 metri non è facile per nessuno, ma io mi ci sono trovato bene – racconta – Kruijswijk è caduto, ma verso la somma del Colle dell’Agnello mi ero reso conto che faticava a respirare e quindi gli ho messo pressione attaccando in discesa. Se non l’avessi fatto non sarebbe successo nulla“.

Si decide tutto a Sant’Anna di Vinadio, dopo aver affrontato Vars, Bonette e Lombarda. Quattro corridori in meno di due minuti, ma l’impressione è che Krui sia ormai tagliato fuori, col morale sotto i piedi dopo aver sfiorato il cielo con un dito e aver toccato il fondo con le ruote della sua bici. E l’impressione è che nulla possa fermare lo Squalo dal tracciare una delle pagine più belle dello sport degli ultimi anni. Così è: le Alpi franco-italiane premiano l’audacia, il coraggio di non arrendersi mai, la forza d’animo di infiammare i cuori di tanti appassionati, risvegliati dalle gesta di un campione d’altri tempi. Le Alpi franco-italiane premiano Vincenzo Nibali, campione del 99^ Giro d’Italia.

“È una bella emozione – sono le prime parole a caldo del vincitore – Oggi vinco il mio secondo Giro d’Italia. Sono senza parole. C’era una folla enorme sul circuito finale e mi ha mostrato grandissimo affetto. Anche la mia famiglia è qui con me, sono riuscito ad abbracciare tutti. Amo questi momenti”.

nibali

Vincenzo Nibali vince il Giro d’Italiai 2016. Foto: ANSA – PERI / DI MEO / ZENNARO

Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*