ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Nazionale, oggi buona sgambata: goleada all’Empoli Primavera, Zaza mattatore
Nazionale, oggi buona sgambata: goleada all’Empoli Primavera, Zaza mattatore

Nazionale, oggi buona sgambata: goleada all’Empoli Primavera, Zaza mattatore

La strada della Nazionale azzurra verso Euro 2016 ormai è segnata, con i 23 certi del posto e le ultime gerarchie da mettere a punto: la cosa certa è che Conte sembra decisamente orientato sul 3-5-2, adoperato pure oggi nella partitella di allenamento con l’Empoli Primavera, conclusa 13-0 per gli azzurri. Zaza mattatore con 4 gol, 3 per Insigne.

Partita divisa in quattro mini tempi da 22’30”; Buffon è rimasto a riposo, mentre Eder ha svolto soltanto una sessione di lavoro atletico.

L’attaccante della Juve è partito titolare con Immobile al fianco, dimostrando buona gamba e una voglia matta di mettersi in luce in vista del debutto del 13 giugno a Lione col Belgio (al momento il ragazzo di Policoro parte dietro Pellé). Suo il bottino personale più ricco del pomeriggio, con 4 gol all’attivo.

Benissimo anche Insigne con 3 gol; una rete a testa invece per Candreva, El Shaarawy, Giaccherini, Bernardeschi e Chiellini, più l’autogol di Giampà.

Prosegue dunque la preparazione in vista della spedizione francese. A margine ha parlato anche Federico Bernardeschi, che dopo alcune partite in Under 21 “rischia” di ritagliarsi uno spazio importante nella Nazionale del ct Conte.

«Credo che questa squadra abbia tanta qualità e che l’arma in più debba essere la forza del gruppo. Sarà importante amalgamare bene gli esperti coi giovani. Cosa ci chiede il c.t.? Di puntare l’uomo, di creare la superiorità numerica. E quando non abbiamo la palla, di seguire le sue indicazioni e di stare ben collegati alla squadra».

L’ala della Viola ha avuto anche qualche parola per i tantissimi giovani calciatori sparsi per la Penisola, invitandoli a tenere duro e a non mollare mai: «Ai giovani voglio mandare un messaggio. Il talento non basta, è necessario fare tanti sacrifici, stare lì con la testa, senza mai perdersi. Se ti perdi, è difficile ritrovare la strada giusta».


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*