ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Euro 2016, comincia il secondo turno: alle 15 Russia-Slovacchia, chi perde rischia
Euro 2016, comincia il secondo turno: alle 15 Russia-Slovacchia, chi perde rischia
Berezutski Inghilterra-Russia Euro 2016

Euro 2016, comincia il secondo turno: alle 15 Russia-Slovacchia, chi perde rischia

Tempo di primi verdetti a Euro 2016. Russia-Slovacchia a Lille, calcio d’inizio alle 15, dà avvio alla seconda giornata dell’Europeo e ha tutta l’aria di assegnare le prime sentenze. Chi rischia di più è la Slovacchia di Hamsik: perdere vorrebbe dire quasi addio ai sogni di gloria. Anche la Russia però è chiamata a fare di più.

La Slovacchia dunque è già a un bivio: la sconfitta per 2-1 nella gara d’esordio col Galles costringe ora la nazionale di Skrtel, Hamsik e Kucka (e del ct Kozak) a vincere a tutti i costi per evitare l’eliminazione.

Nella prima partita non hanno certo brillato Kozacik, colpevole sulla punizione di Bale, e l’isolato Duris. Molto meglio Ondrej Duda, che giocando dal 1’ potrebbe dare più verve alla manovra slovacca.

Dal canto suo la Russia di Dmitri Slutski viene da un pari sofferto con l’Inghilterra conquistato proprio nell’ultimo minuto grazie al colpo di testa del veterano e capitano Vassili Berezutski.

Squadra ampiamente stagionata, la Sbornaya russa è chiamata ad aggiungere allo stile sovietico del tutti per uno un pizzico di cattiveria in più dalla cintola in su: potendo contare su un ariete chiamato Dyzuba e su una batteria di trequartisti come Kokorin, Shatov e Smolov sicuramente ben affiatata.

Per le statistiche: queste due squadre non si sono mai affrontate nella fase finale degli Europei, ma si sono incrociate nel cammino di qualificazione a Euro 2016 (due vittorie in trasferta, entrambe per 1-0).

PROBABILI FORMAZIONI

RUSSIA (4-2-3-1): Akinfeev; Shchennikov, Berezutski, Ignashevich, Smolnikov; Neustadter, Golovin; Smolov, Shatov, Kokorin; Dzyuba

SLOVACCHIA (4-2-3-1): Kozacik; Svento, Durica, Skrtel, Pekarik; Pecovsky, Kucka; Weiss, Hamsik, Mak; Nemec.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*