ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Italvolley, il borsino dopo il weekend di Grand Prix: azzurre eliminate; ora testa a Rio
Italvolley, il borsino dopo il weekend di Grand Prix: azzurre eliminate; ora testa a Rio
Italvolley femminile Grand Prix 2016

Italvolley, il borsino dopo il weekend di Grand Prix: azzurre eliminate; ora testa a Rio

L’ Italvolley al femminile allenata da Marco Bonitta è fuori dalla Final Six di Bangkok del Grand Prix 2016: fatale alle azzurre la sconfitta (la quarta consecutiva nel torneo) contro il Brasile nella gara di venerdì. Del Core e compagne hanno chiuse settime; poco male: ora si proseguirà la preparazione alle Olimpiadi di Rio 2016.

Peccato per la sconfitta contro le ragazze della Seleção: Italvolley era pure andata in vantaggio nel primo parziale, ma ha subito poi il ritorno di fiamme delle Campionesse Olimpiche allenate da Zè Roberto. È finita  3-1(24-26; 25-22; 25-13; 25-22) come due settimane fa al debutto del torneo itinerante; addio Final Six e pretese di fare la voce grossa.

Ma Del Core e il resto delle azzurre non si sono smarrite d’animo e hanno comunque chiuso la tappa di Ankara con due successi consecutivi che fanno ben sperare per il futuro. Prima il 3-1 stavolta con rimonta alla Turchia (21-25; 25-21; 25-19; 25-17):; poi il 3-0 in scioltezza al Belgio (25-14; 25-12; 25-21).

Dal weekend Bonitta torna con una certezza: nonostante l’assenza fondamentale della palleggiatrice Alessia Orro, il gruppo è coeso e lotta in maniera compatta. Paola Egonu molto meglio in versione schiacciatrice piuttosto che da opposto (come visto col Brasile); bene al solito anche la capitana Del Core (brillano i 6 aces piazzati domenica col Belgio) e l’esperta Centoni.

Ora l’ Italvolley già tornata a casa, dove la aspetta un lungo mese di preparazione intensa: per il 27 luglio è fissata la partenza della spedizione azzurra per Rio. Le ragazze di Bonitta in Brasile sono attese dalla Pool di ferro in cui cercheranno una difficilissima qualificazione ai quarti delle Olimpiadi: sognare non costa nulla, ma ai Giochi è meglio arrivarci pronte e preparate.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*