ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Euro 2016, Francia: il pokerissimo avrà spaventato la Germania?
Euro 2016, Francia: il pokerissimo avrà spaventato la Germania?
Foto Epa

Euro 2016, Francia: il pokerissimo avrà spaventato la Germania?

Dall’Irlanda all’Islanda il passo è breve; stavolta però la Francia non ci è andata per il sottile, asfaltando 5-2 la più bella sorprese di Euro 2016. Ora per i Bleus di Didi Deschamps ci sono i campioni del mondo: la sfida di giovedì promette già scintille.

Sì, perché la Francia ammirata ieri sera a Saint-Denis è stata finalmente spettacolare: poker già nel primo tempo e anniversari, già contenti di essere lì dove non erano arrivati neppure i loro sogni più rosei, annichiliti in meno di un quarto d’ora.

Nella scorpacciata aperta e chiusa da Giroud, vanno a segno tutti i gioiellini della banda Deschamps: il redivivo Pogba, il sentenzioso Payet e il solito Griezmann (ora capocannoniere della competizione con 4 gol, bellissimo il suo lob su Halldorsson in uscita).

Nel mezzo, e anche dopo, una prova maiuscola in tutti i reparti, nonostante i due gol incassati dai comunque ottimi islandesi, che con Sightorsson e Bjarnason hanno salutato nel modo più onorevole gli oltre 30mila supporters arrivati allo Stade de France che, a fine partita, hanno ottenuto dai loro beniamini un abbraccio calorosissimo.

Anche senza Rami e Kanté, sostituiti a dovere da Umtiti e Sissoko, la Francia scesa in campo ieri ha raggiunto alte percentuali sia in fase di azioni d’attacco che di possesso palla (che ha viaggiato costantemente intorno al 65%).

I Galletti, insomma, hanno schiarito la voce roca e hanno cominciato a cantare dopo aver a lungo balbettato in questo Euro 2016, che li voleva sin dall’inizio assoluti protagonisti. I segnali inviati alla Germania nella serata dello Stade de France: giovedì sera a Marsiglia (arbitro Rizzoli) ci sarà il responso definitivo, si vedrà chi meriterà la finale di Saint-Denis di domenica prossima 10 luglio. I galletti vogliono esserci a tutti i costi.

 


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*