ULTIME NEWS
Home > Olimpiadi > Argentina, che caos per Rio: i club non danno i calciatori, Martino va via; e ora?
Argentina, che caos per Rio: i club non danno i calciatori, Martino va via; e ora?

Argentina, che caos per Rio: i club non danno i calciatori, Martino va via; e ora?

Dopo la beffa arriva il danno, specie quando ti chiami Argentina: l’Albiceleste dei disastri (tre finali consecutive perse nell’ultimo triennio) rischia di naufragare molto prima di arrivare ai Giochi di Rio 2016.

Complice il niet di alcuni club che hanno negato i loro giocatori alla Selección, Martino si è dimesso dall’incarico e il comitato olimpico del Paese sudamericano sta seriamente pensando di dare forfait.

L’Olimpica dell’ Argentina così rischia di rimanere un grande aborto, visto che doveva già radunarsi lunedì ma dei 18 convocati ben 9 sono stati negati dai club: si tratta di Dybala (Juventus), Icardi (Inter), Lanzini (West Ham), Correa (Atletico Madrid), Musacchio (Villarreal), Batalla, Maidana e Vega (River Plate) e Cervi (Rosario Central/Benfica). Qualche problema, anche se non è ancora un no certo, c’è anche per il madridista Kranevitter.

Nel torneo di calcio dei Giochi infatti le regole FIFA non valgono e i club possono anche impuntarsi e rifiutare l’impiego dei loro calciatori da parte delle Selezioni nazionali.

La situazione dell’Albiceleste è a dir poco grottesca: a poco meno di un mese dall’inizio di Rio 2016 non si intravede nessun spiraglio positivo; lo stesso Tata Martino – incaricato di portare la Seleccion in Brasile – ha rassegnato le dimissioni lasciando la sua panchina vacante.

A tal propositivo gli ultimi rumours portano a Marcelo Bielsa: El Loco, che ha già firmato un contratto con la Lazio (parola di Lotito), starebbe aspettando una chiamata dall’Argentina per dirigere lui la spedizione olimpica.

Al momento però tutto tace e il presidente del comitato olimpico argentino Gerardo Wertheimer grida allo scandalo e alla vergogna: «L’Argentina è uno dei paesi campioni del mondo e ha vinto due ori olimpici, quindi il calcio è qualcosa di molto importante per il Paese – ha detto Wertheiner a una radio locale – E il fatto che oggi io non possa dire se saremo in grado di allestire una squadra per Rio è davvero una vergogna».

Dopo la seconda Copa America di fila persa in finale ai rigori, l’ Argentina non sembra trovare pace neppure coi Giochi.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*