ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Final Six World League: cosa non va in Italvolley, dopo il k.o. col Brasile?
Final Six World League: cosa non va in Italvolley, dopo il k.o. col Brasile?

Final Six World League: cosa non va in Italvolley, dopo il k.o. col Brasile?

Seconda sconfitta su due confronti col Brasile, per l’ Italvolley di Blengini nella World League 2016. Il pesante 3-0 rimediato nella Final Six di Cracovia suona però come un serio campanello d’allarme in vista di Rio 2016; oggi sfida già decisiva con gli USA, serviranno azzurri più ruggenti e precisi.

Preoccupa lo stile di gioco mostrato da Zaytsev, Birarelli e compagni al cospetto dei prossimi ospitanti dei Giochi Olimpici: segnali che mettono agitazione a pochissime settimane dall’inizio del torneo in quel tempio del volley mondiale chiamato Maracanazinho.

Un’altra serata no contro una big del circuito: è infatti il quarto grande match consecutivo che in meno di un mese Italvolley perde contro le grandi nazionali che daranno senz’altro spettacolo a Rio, visti i 3-0 a raffica patiti contro Francia, USA e Brasile.

I verdeoro di Berardinho hanno asfaltato gli azzurri 3-0 (25-18; 25-20; 25-19), dominando tutto i parziali in lungo e in largo. Superiori in tutti fondamentali, dal muro al servizio (rispettivamente 9-4 e 8-3 i confronti nello specifico) Bruninho e compagni hanno inflitto un’altra dura lezione agli azzurri di Blengini, apparsi tonici soltanto in rari momenti dell’incontro.

A salvare parzialmente la faccia nel disastro azzurro sono stati Ivan Zaytsev, che ha di nuovo cambiato ruolo da schiacciatore a opposto a match in corso con risultati al di sotto del discreto con 13 punti, e capitan Birarelli con alcuni attacchi dal centro (9 i punti alla fine).

Rimandati tutti gli altri: a iniziare da un Luca Vettori raramente così pessimo (5 punti appena, solo 30% in attacco), continuando con la Pantera Osmany Juantorena (6 punti, 33% in attacco e una spalla ancora visibilmente malconcia) e concludendo con l’incredibile 0 a referto di Pippo Lanza.

Simo Giannelli non ha retto il confronto con il mago Bruninho dall’altra parte e ha fatto quanto ha potuto contro la qualità del muro brasiliano e il gioco sempre spumeggiante della squadra di Berardinho. Sotto la sufficienza anche i vari Buti e Piano, con lo stesso Colaci incapace di essere guizzante come suo solito.

Oggi Italvolley tornerà di nuovo in campo: alle 17.30 sfida agli USA di Speraw. Partita difficile se non impossibile per sperare di raggiungere le semifinali. Tanto dipenderà dall’esito di USA-Brasile in programma domani, ma gli azzurri devono mettere tutto loro stessi per salvare onore e rispetto sportivo e dare segnali importanti in vista delle Olimpiadi.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*