ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Italia, il buon Europeo vale la risalita: è 10ᴬ nel nuovo ranking Fifa
Italia, il buon Europeo vale la risalita: è 10ᴬ nel nuovo ranking Fifa
Foto Afp

Italia, il buon Europeo vale la risalita: è 10ᴬ nel nuovo ranking Fifa

I sacrifici alla fine pagano sempre: il must di Antonio Conte, ormai ex c.t. dell’ Italia, ha dato i suoi frutti. Grazie al buon Europeo appena disputato, la Nazionale azzurra torna finalmente nella top ten del ranking Fifa, esattamente in decima posizione.

L’ormai ex commissario tecnico degli azzurri non è riuscito ad attivare un bonus previsto da contratto secondo cui, facendo scalare alla Nazionale 5 posizioni dal suo arrivo in panchina, avrebbe usufruito di 500 mila euro in più. Il nuovo allenatore del Chelsea dovrà accontentarsi invece del solo risultato sportivo.

Tant’è: l’ Italia torna finalmente a occupare una posizione di prestigio, dopo aver disputato un Euro 2016 ben al di sopra delle aspettative e dei mugugni della vigilia. Senza la Francia in finale e senza la sconfitta indolore con l’Irlanda forse Buffon e compagni avrebbero scalato altri posti, ma non fa niente. L’entrata nelle prime 10 vale come un buon segnale di fiducia da cui ripartire ora che si approssima l’inizio dell’era-Ventura a Coverciano: la nuova Italia si farà, intanto le basi sono queste.

Il resto della classifica parla chiaro: al primo posto, nonostante la seconda finale consecutiva di Copa America persa ai rigori, c’è sempre l’Argentina di Leo Messi; le prime cinque posizioni restano comunque tutte cambiate, visto che dietro la Selección ci sono nell’ordine Belgio, Colombia, Germania e Cile.

Fa un bel salto in avanti il Portogallo neocampione d’Europa che balza al 6° posto proprio davanti all’altra finalista di Euro 2016, la Francia. Scendono di due gradini la Spagna e il Brasile, rispettivamente ottava e nono del ranking.

Il Galles delle meraviglie, semifinalista nel torneo continentale, vola addirittura alle spalle dell’ Italia: dal 26° all’11° posto! Benissimo anche l’Islanda, che con un salto di 12 posizioni scala fino al 22° posto. Stesso trend anche per la Croazia, ora 15ᴬ.

Restano fuori dalle prime dieci invece le deludenti Uruguay e Inghilterra, subito dietro allo stesso Galles, e la stessa Olanda, 26ᴬ dopo il mancato approdo a Euro 2016. La progressione più importante però la fa registrare la Nuova Zelanda che, grazie alla vittoria della Coppa delle Nazioni, avanza addirittura di 54 posti fino alla 93ᴬ posizione.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*