ULTIME NEWS
Home > Olimpiadi > Rio 2016, vela: Caputo positiva a un test antidoping, niente Olimpiadi
Rio 2016, vela: Caputo positiva a un test antidoping, niente Olimpiadi
Caputo e Sinno Doppio 470 vela Italia, foto Fabio Taccola

Rio 2016, vela: Caputo positiva a un test antidoping, niente Olimpiadi

Brusca notizia nella vela azzurra alla vigilia di Rio 2016: Roberta Caputo (Doppio femminile 470) è risultata positiva al Clostebol. Al suo posto convocata Elena Berta.

Una notizia che davvero non ci voleva per tutto il movimento velistico: l’atleta della Canottieri Aniene, napoletana classe 1992, durante un controllo antidoping fuori competizione effettuato a Napoli lo scorso 6 luglio su disposizione della Nado, è stata trovata positiva al Clostebol, uno steroide anabolizzante, simile praticamente al testosterone utilizzato anche come crema anticicatrizzante per abrasioni, ulcere cutanee e ragadi.

La prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping ha provveduto a sospendere la velista in via cautelare, accogliendo l’istanza proposta dall’Ufficio di Procura Antidoping. Al suo posto, nella classe 470, è stata convocata in fretta e furia Elena Berta, che gareggerà con Alice Sinno.

Quella della Caputo è una defezione importante anche per la sua carriera: per lei sarebbe stata la prima partecipazione olimpica, dopo la conquista di un titolo Mondiale 420; da fine 2013 era nato poi il sodalizio in equipaggio che le aveva portate a veleggiare insieme fino al 15° posto in coppa del Mondo a Hyeres, in Francia, e un 25° al Campionato Europeo disputato a Palma di Maiorca, alle Baleari, solo pochi mesi fa.

Dopo aver strappato il pass nella vela per Rio 2016, «Quando con Alice abbiamo deciso di andare in 470 insieme, avevamo un unico obiettivo, quello di andare alle Olimpiadi. Da lì sono iniziati tre anni durissimi e molto lunghi, in cui si sono alternati momenti di grande entusiasmo, gioia e vittorie, ad altri periodi più difficili in cui non abbiamo mai mollato. Ci siamo sempre supportate a vicenda e alla fine il nostro numero velico ITA 16 per Rio 2016 è stato un portafortuna». Ora purtroppo la doccia gelata: si spera nell’esito negativo delle controanalisi per la credibilità della velista azzurra.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*