ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Vuelta a España 2016, i favoriti: Froome a caccia della doppietta col Tour
Vuelta a España 2016, i favoriti: Froome a caccia della doppietta col Tour

Vuelta a España 2016, i favoriti: Froome a caccia della doppietta col Tour

Chi succederà a Fabio Aru, maglia rossa nel 2015? È questo il quesito con cui prende il via a Vuelta a España 2016, terzo Grand Tour stagionale in programma dal 20 agosto all’11 settembre.

Assente l’italiano campione uscente, si profila all’orizzonte una lotta tra due titani, Chris Froome e Alberto Contador. Il primo vuol coronare una stagione già di per sé fantastica, che dopo la vittoria, la terza, al Tour de France, è proseguita con una positiva ma non ottima apparizione olimpica (terzo nella crono sulla quale puntava molto). Ora eccolo al via dalla Galizia per provare a vestirsi per la prima volta di rosso.

Dodici mesi dopo, dunque, ancora Tour-Vuelta, per quella doppietta ritenuta dagli addetti ai lavori qualcosa di estremamente difficile e perciò assai suggestiva. Lo scorso anno non fu un’edizione felice per il britannico, costretto ad abbandonare anzitempo la corsa dopo il tappone di Andorra dopo aver palesato, ad ogni modo, alcune difficoltà in salita. Ce la farà stavolta?

Alberto Contador doveva essere il suo avversario numero uno già alla Grande Boucle, salvo poi doverla lasciare per quella doppia caduta avvenuta nei primi giorni di corsa. Ora ci riprova nella corsa di casa che già ha vinto tre volte: ci crede al poker, il Pistolero della Tinkoff; crede alla possibilità di aggiudicarsi l’ottavo Grand Tour della sua immensa carriera.

Al via anche Nairo Quintana: dato alla vigilia del Tour come il principale favorito dai bookmakers, il colombiano della Movistar è incappato in tre settimane anonime, concludendo sì sul più basso gradino del podio, ma non dando mai la sensazione di poter impensierire il padrone della corsa. L’atleta andino trovò nell’allergia una giustificazione: riuscirà a ritrovare se stesso alla Vuelta?

Come in Francia, l’uomo di fiducia sarà Alejandro Valverde, che dopo aver fallito il podio olimpico, tenterà di eguagliare l’italiano Gastone Nencini e il francese Raphael Geminiani come terzo atleta della storia a piazzarsi in top 10 nei tre Grand Tour stagionali.

Torna, dopo il secondo posto al Giro d’Italia, un altro colombiano: è Johan Esteban Chaves (Orica-BikeExchange), che proprio sulle strade spagnole si fece conoscere al mondo lo scorso anno con due stupende vittorie di tappa ed il quinto posto della generale. Torna per continuare a stupire e tentare, chissà, il grande colpo.

In casa Astana assenti sia Fabio Aru che Vincenzo Nibali. Spazio, dunque, a Miguel Angel Lopez: è giunto il momento del primo Grande Giro per il ventiduenne scalatore colombiano, già vincitore in questa stagione del Giro di Svizzera. Non sappiamo dove potrà arrivare, ma certamente sarà lui uno dei maggiori protagonisti degli anni avvenire.

Dopo essere stato l’indiscusso protagonista alla Corsa Rosa ed aver rischiato di giungere a Torino da vincitore, Steven Kruijswijk si presenta ai nastri di partenza in qualità di capitano di una LottoNL-Jumbo che ritrova anche Robert Gesink, di nuovo in gara dopo l’ennesimo infortunio occorsogli nel mese di giugno.

Chi ha deluso finora cerca il riscatto: è il caso del francese Warren Barguil (Giant-Alpecin) o dello statunitense Tejay Van Garderen (Bmc), entambi protagonisti in negativo al Tour de France; è il caso del talento incompiuto del ciclismo a stelle e strisce Andrew Talansky (Cannondale-Drapac), che di recente si è lasciato sfuggire di recente anche il non irresistibile (quanto a concorrenza) Tour of Utah.

Chi è in cerca di conferme dopo le ultime felici apparizioni è l’altro transalpino Alexander Geniez (Fdj), già in grado di centrare la top ten di Giro e Vuelta in passato, e soprattutto del sudafricano Louis Meintjes (Lampre-Merida), ottavo sulle strade di Francia.

Articoli correlati:

Vuelta a España 2016, il percorso ufficiale [con tutte le altimetrie]

Vuelta a España 2016: la startlist e la guida tv

Vuelta a España 2016, le dichiarazioni dei big alla vigilia


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*