ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Arctic Race, colpo di Moscon. Czech Tour, acuto di Ulissi
Arctic Race, colpo di Moscon. Czech Tour, acuto di Ulissi

Arctic Race, colpo di Moscon. Czech Tour, acuto di Ulissi

Bell’Italia nelle corse sparse per l’Europa: all’Arctic Race of Norway arriva la prima vittoria da professionista per Gianni Moscon (Team Sky), mentre allo Czech Tour è Diego Ulissi a mettere la sua firma nella terza tappa; al Tour de l’Ain, infine, vittoria finale per Sam Oomen (Giant-Alpecin).

Arctic Race of Norway. Arriva la tappa regina nella gara del Circolo Polare Artico ed è Gianni Moscon a trionfare: il portacolori del Team Sky opera uno scatto a 1500 metri all’arrivo e taglia a braccia alzate il traguardo di Korgfjellet. Secondo posto per l’olandese Steff Clement (IAM Cycling), giunto dopo 11″, mentre terzo è Oscar Gatto (Tinkoff), a 24″. Con la vittoria odierna, la prima da pro’, il giovane trentino Moscon balza anche in vetta alla classifica generale ad una sola tappa dal termine e domani dovrà gestire un vantaggio di 15″ su Clement e 30″ su Gatto.

Czech Cycling Tour. Dopo Sacha Modolo, ecco Diego Ulissi. Continuano i successi italiani al Giro della Repubblica Ceca e continuano le affermazioni della Lampre-Merida: il livornese si impone in solitaria nella terza tappa sul traguardo di Sternberk, facendo selezione sulle asperità poste lungo il percorso e precedendo di 29″ il corridore di casa Karel Hnik (Verva ActiveJet). Terzo Davide Rebellin (CCC Sprandi), quinto e nono altri due atleti blu-fucsia, ovvero Manuele Mori e Simone Petilli. Ulissi, alla quinta vittoria stagionale, è il nuovo leader della classifica.

Tour de l’Ain. Va a Sam Oomen la corsa a tappe francese: l’olandese della Giant-Alpecin difende il primato conquistato ieri anche nell’ultima frazione, quella che, sul traguardo di Belley, vede al primo posto Alexander Geniez (FDJ), bravo a regolare allo sprint un gruppo ristretto. Secondo posto per Romain Hardy (Cofidis), terzo per Bart De Clercq (Lotto Soudal).  Tappa decisa dopo il passaggio sulla Grand Colombier con ll’azione incisiva dell’atleta francese, ma il neerlandese controlla il distacco e può festeggiare.


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*