ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Coppa Italia, il riepilogo: lo Spezia fa fuori l’Udinese, bene tutte le altre di Serie A
Coppa Italia, il riepilogo: lo Spezia fa fuori l’Udinese, bene tutte le altre di Serie A
Udinese-Spezia Coppa Italia, foto Lapresse

Coppa Italia, il riepilogo: lo Spezia fa fuori l’Udinese, bene tutte le altre di Serie A

Dopo i tre anticipi del venerdì, la serata di Coppa Italia porta in dote tanti passaggi di turno per le squadre di A. Eliminata eccellente l’Udinese, k.o. con la Spezia.

UDINESE-SPEZIA 2-3

Inizia col piede sbagliato la stagione dei bianconeri di Iachini che al Friuli vedono i primi due gol italiani dell’esordiente argentino Rodrigo De Paul, che aprono e chiudono l’incontro. In mezzo c’è la bellissima rimonta dello Spezia di Mimmo Di Carlo. Pareggio di Valentini in mischia, un minuto dopo raddoppio del giovane nigeriano Okereke; poi dopo un rigore sbagliato di Zapata – parata di Chichizola – tris di Nenè su calcio d’angolo. Il gol di De Paul cambia poco: l’Udinese inizia con la contestazione dei suoi tifosi; per lo Spezia invece sfida al Palermo.

NOVARA-LATINA 1-0 dts

La partita fra le due squadre di Serie B va via sui binari dell’equilibrio; a risolverla, nel recupero del primo tempo supplementare, è un colpo di testa del difensore danese Troest su schema di punizione di Buzzegoli. Per i gaudenziani di Boscaglia ora match contro il Chievo nel quarto turno.

PERUGIA-CARPI 2-1

Il Grifone umbro regala lo scherzetto al Carpi di Castori. Alla matricola emiliana retrocessa dalla Serie A non basta la superiorità numerica per l’espulsione del “perugino” Didiba e il vantaggio segnato al 20’ della ripresa da Gianmario Comi; in cinque minuti la doppietta di Rolando Bianchi, fra il 31’ e il 36’, ribalta tutto e regala il passaggio del turno ai biancorossi, che ora se la vedranno col Genoa

PESCARA-FROSINONE 2-0

Inizia alla grande la stagione del Pescara neopromosso in Serie A. All’Adriatico il Delfino di Oddo passa 2-0 sul Frosinone dell’ex allenatore Pasquale Marino e conquista il prossimo turno di Coppa Italia contro l’Atalanta.

Gli abruzzesi complessivamente meritano di più per la migliore qualità nelle trame di centrocampo: al 19’ primo vantaggio segnato dall’ex romanista Verre su comodo tap-in a pochi passi da Bardi; nella ripresa l’uomo-mercato del Pescara fa addirittura doppietta al 6’ e ricaccia indietro tutte le sirene che lo riguardano. Brusco passo indietro per il Frosinone dopo il 3-0 al Como: Marino deve lavorare ancora sul bagaglio fisico e mentale dei ciociari in vista del prossimo campionato di Serie B.

TORINO-PRO VERCELLI 4-1

Nel primo appuntamento della stagione il Toro di Sinisa Mihajlovic non stecca ma anzi convince: nel derby piemontese contro la “nobile” Pro Vercelli i granata passeggiano per 4-1 mettendo in mostra tutti i pezzi pregiati della rosa.

Migliore in campo Adem Ljajic, già idolo del tifo granata; è lui a dare il là alla scorpacciata torinese con una punizione millimetrica e con l’assist su corner per il colpo di testa del 2-0 firmato da Martinez. Nella ripresa poi l’Olimpico si trasforma in palcoscenico per tre gol bellissimi: gran destro dal limite di Bruno Peres, rete della bandiera vercellese di La Mantia, splendido mancino di Boyé a due minuti dal 90’. Miha può essere soddisfatto.

ATALANTA-CREMONESE 3-0

Tutto facile anche per la nuova Atalanta di Gasperini: 3-0 nel derby lombardo ai grigiorossi della Cremonese. Prima il grande spavento sull’errore di Brighenti, poi il colpo di testa di Toloi su cross di D’Alessandro apre al meglio la serata della Dea bergamasca; alla mezz’ora Polak devia nella propria porta un cross innocuo del Papu Gomez e mette la situazione in netta discesa per i nerazzurri.

Nella ripresa, dopo un pregevole tacco di Kurtic che scheggia la traversa, l’Atalanta fa tris col tiro di Petagna ribattuto da Ravaglia e il comodo tap-in di Kessié. Ora per Gasperini ci sarà l’incontro col Pescara.

CESENA-TERNANA 2-0

Il Cesena approfitta della fragilità dell’ambiente ternano, scosso dal cambio di panchina al volo da Christian Panucci – esonerato in settimana – a Sebastiano Siviglia, e passa facilmente 2-0 chiudendo la partita intorno al 45’. I gol portano la firma di Balzano al 41’ su calcio di punizione di Ciano e sull’altra zuccata di Cascione, al 45’ esatto, su corner dello stesso ex Crotone.

CHIEVO-ENTELLA 3-0

Tutto fin troppo facile per il Chievo Verona. I gialloblù di Maran regolano agevolmente l’Entella che ci prova con volontà ma che non può competere col maggior tasso tecnico dei veneti.

Con i titolarissimi subito in campo, il primo gol lo firma al 36’ Meggiorini dopo una splendida azione imbastita dal duo Cacciatore-Birsa. L’Entella è tutta nei piedi di Masucci, ma non trova il bersaglio grosso. Nella ripresa il Chievo archivia la pratica con Castro al 19’ e con l’eterno Pellissier al 38’, due minuti dopo l’ingresso in campo. Il Bentegodi applaude: i Mussi Volanti sono pronti anche all’ennesima stagione in Serie A.

EMPOLI-VICENZA 2-0

Vince con facilità anche l’Empoli di Martusciello: al Castellani gli azzurri toscani hanno dalla loro un Big Mac già in forma smagliante.

È infatti Massimo Maccarone a segnare la doppietta decisiva ai fini del risultato dopo neppure venti minuti: primo gol su rigore dopo appena 5′; raddoppio di testa al 17′. Nel quarto turno di Coppa Italia l’Empoli se la vedrà col Cesena.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*