ULTIME NEWS
Home > Olimpiadi > Rio 2016, Campriani superstar: memorabile bis olimpico nel tiro a segno!
Rio 2016, Campriani superstar: memorabile bis olimpico nel tiro a segno!

Rio 2016, Campriani superstar: memorabile bis olimpico nel tiro a segno!

Semplicemente il più grande: dopo la medaglia d’oro nella carabina 10 metri aria compressa, Niccolò Campriani si rende protagonista di un memorabile bis ai Giochi Olimpici di Rio 2016, aggiudicandosi anche la carabina 50 metri tre posizioni.

Ormai è leggenda vivente del tiro a segno, il ventinovenne ingegnere toscano: nella gara che l’ha visto trionfare già quattro anni fa all’Olimpiade di Londra, eccolo nuovamente salire sul gradino più alto del podio al termine di una finale – strappata con l’ultimo punteggio di qualificazione – al cardiopalma, che ad un solo tiro dalla fine sembrava compromessa.

Ultimo ad inchinarsi al tiratore italiano è stato il russo Sergey Kamenskiy, incappato in una tremenda ultima serie quando aveva ormai in tasca il titolo olimpico. 450.2 i punti di quest’ultimo, 449.6 quelli dell’azzurro prima dell’ultimo giro. Spara prima Campriani, che fa segnare un 9.2 che sa già di argento. Ma è il russo a prendersi il secondo posto con un colpo ancor più deludente, un 8.3 che lancia nuovamente l’azzurro ai vertici internazionali: l’Olympic Shooting Centre è nuovamente tricolore.

“Settimana pazzesca – le prime parole rilasciate dal bicampione olimpico ai microfoni di Rai Sport –  Ero preoccupato, le tre notti dopo l’oro avrò dormito dieci ore, avevo tanta adrenalina addosso”. Commentando la gara odierna, dal’epilogo tuttora sorprendente, così si esprime l’atleta fiorentino: “Sono stato fortunato oggi. Sono entrato ottavo in finale, poi questo format che mi ha fregato per 3 anni stavolta mi ha portato fortuna. Il tiratore più forte era Kamenskyi […] Alla fine il russo l’ha presa bene, oggi era veramente più forte”.

La dedica: “L’oro è un regalo che voglio regalare a tutti coloro che sono stati con me 16 anni“.

L’Italia del tiro superlativa, dunque, alla XXXI Olimpiade: è il quarto oro della disciplina, dopo quello di Diana Bacosi e Gabriele Rossetti dal tiro a volo e dello stesso Campriani nella già citata carabina 10 metri.


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*