ULTIME NEWS
Home > Coppe Europee > Champions League > Playoff Champions League, il riepilogo della due giorni
Playoff Champions League, il riepilogo della due giorni
Fabinho Villarreal-Monaco playoff Champions League, foto AFP-Getty

Playoff Champions League, il riepilogo della due giorni

Playoff Champions League, la due giorni delle gare d’andata si è conclusa, questo il riepilogo. Cinquine di City e Celtic, bene anche ‘Gladbach e Monaco.

GARE DI MARTEDÌ

STEAUA BUCAREST-MANCHESTER CITY 0-5

Una manita tanto per iniziare al meglio: l’avventura in Champions di Pep Guardiola sulla panchina dei Citizens comincia con un roboante 0-5 ai rumeni della Steaua, che oltre al danno della sconfitta che li relega in Europa League ricevono la beffa della coreografia, voluta dal presidente locale Becali nel trentennale della vittoria della Champions contro il Barcellona e letteralmente sabotata dai rivali della Dinamo infiltrati all’Arena Nationala di Bucarest.

Ma è il campo quello che conta, e lì la squadra di Laurențiu Reghecampf le ha prese per prenderle, nonostante un Sergio Agüero che ha sbagliato non uno ma ben due rigori in 21’ minuti. Ma quella di Bucarest è stata comunque la notte del Kun: ai due errori dal dischetto ha fatto seguito una tripletta coi fiocchi, completata dai gol di Silva in apertura e di Nolito per lo 0-3. Qualificazione già in cassaforte per il City di Pep.

YOUNG BOYS-BORUSSIA MOENCHENGLADBACH 1-3

Un altro colpo esterno è quello messo a segno dal ‘Gladbach, in casa degli svizzeri dello Young Boys. Per i Puledri la vittoria è aperta e conclusa da Raffael; in mezzo l’1-2 firmato dal neoentrato Hahn dopo l’inutile pari da due passi di Suleymani. I tedeschi ipotecano il passaggio del turno.

AJAX-ROSTOV 1-1

La sfida fra le grandi deluse dei rispettivi campionati dello scorso anno (seconde dopo un dominio durato mesi) ha sorriso di fatto più ai russi che ai Lancieri olandesi che, dopo l’addio di Frank De Boer, hanno accolto Peter Bosz in panchina. Gli ospiti sono andati in vantaggio su punizione di Noboa; pari dal dischetto di Klaassen.

DINAMO ZAGABRIA-SALISBURGO 1-1

Stesso sviluppo e medesimo risultato a Zagabria fra i campioni croati della Dinamo e quelli austriaci del Salisburgo. La partita equilibrata si è accesa nella ripresa con gli ospiti primi ad andare in vantaggio con Lazaro; pareggio su calcio di rigore di Rog, obiettivo del Napoli. Tutto rinviato al match di ritorno.

COPENAGHEN-APOEL NICOSIA 1-0

I danesi battono i ciprioti col minimo sforzo, grazie al bel gol di Pavlovic su filtrante invitantissimo di Delaney. Agli ospiti non riesce l’impresa di trovare il gol del pari, ma non sono ancora del tutto spacciati.

 

GARE DI MERCOLEDÌ

PORTO-ROMA 1-1 [clicca qui per la sintesi]

VILLARREAL-MONACO 1-2

Risultato importantissimo al Madrigal, sbancato dal Monaco di Bruno Jardim. I monegaschi vincono grazie ancora una volta, come in Ligue 1, a Fabinho su rigore nel primo tempo e a Bernardo Silva nella ripresa. Nel mezzo la gioia spagnola, del tutto inutile, di Alexandre Pato, al primo gol ufficiale con la maglia del Sottomarino Giallo.

CELTIC-HAPOEL BEER SHEVA 5-2

Partita letteralmente al Celtic Park di Glasgow. Dominio biancoverde nel primo tempo con il vantaggio di Rogic e la doppietta di Griffiths prima dell’intervallo. Nel primo quarto del secondo tempo però gli israeliani cacciano la testa fuori e fanno correre i brividi nella schiena agli scozzesi con i gol di Maranhao e Melikson.

Sul 3-2 però la squadra di Brendan Rodgers si rimette a tre gol di distanza con i gol di Dembele e capitan Brown. Se per la qualificazione non è fatta poco ci manca.

DUNDALK-LEGIA VARSAVIA 0-2

Tutto facile per i polacchi, che in Irlanda regolano il Dundalk con un rigore di Nikolic e il raddoppio in pieno recupero di Prijovic.

LUDOGORETS-VIKTORIA PLZEN 2-0

I bulgari sono vicini a una nuova qualificazione alla fase a gironi di Champions League. Il 2-0 ai cechi è firmato dal difensore Cosmin Moți (il difensore/portiere che lo scorso anno si mise i guantoni al 119’, parò due rigori e ne segnò uno nel preliminare contro lo Steaua) e da Virgil Misidjan.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*