ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Rio 2016, pallavolo: dall’argento maschile al flop delle ragazze, Italvolley croce e delizia
Rio 2016, pallavolo: dall’argento maschile al flop delle ragazze, Italvolley croce e delizia
Italvolley maschile argento Rio 2016

Rio 2016, pallavolo: dall’argento maschile al flop delle ragazze, Italvolley croce e delizia

È un’Italia a due facce, quella che si è manifestata nel volley a Rio 2016: ancora negli occhi l’argento della squadra di Blengini; squadra femminile già in rifondazione.

PALLAVOLO MASCHILE

Agli splendidi ragazzi di Blengini è mancato solo una cosa, la cosa più importante: la consacrazione più grande in un Olimpiade. Il 3-0 patito domenica scorsa nella finale del Maracanazinho contro il Brasile campione di casa brucia tanto, a ripensarci, eppure Birarelli e compagni sono comunque andati a medaglia, migliorando pure il bronzo di Londra 2012 e andando vicini di tanto così all’eterna gloria sportiva.

L’oro, l’Italvolley maschile, l’avrebbe meritato a prescindere, per via di un girone della morte in cui ha praticamente morso e azzannato tutte le avversarie date per maggiormente accreditate e superiori alla banda azzurra: le vittorie in sequenza contro la Francia campione d’Europa, i potentissimi USA e il Brasile paese ospitante sono state un’iniezione di fiducia imponente in un gruppo che, a parte il secondo posto in World Cup, non aveva del tutto convinto gli osservatori.

I ragazzi di Blengini sono andati avanti invece mostrando una pallavolo energica e multifunzionale, con un solo neo: la sconfitta, peraltro inutile ai fini della classifica, contro il Canada.

Poi dai quarti in su Italvolley è stata un’apoteosi: sia per le vittorie, contro Iran e di nuovo contro gli Stati Uniti, sia soprattutto per il carattere mostrato, per le unghie e per i denti messi in luce in alcuni momenti in cui altre nazionali forse si sarebbero perse (vedi rimontona dal 2-1 al tiebreak contro gli USA in semifinale a Rio 2016).

La presenza dentro e fuori dal campo di capitan Birarelli, eccezionale per abnegazione nonostante l’infortunio contro gli USA nel girone – Lele è l’unico italiano inserito nel sestetto ideale stilato dalla Federazione Internazionale – le lavatrici tirate da ogni punto da Ivan Zaytsev e gli artigli di Osmany Juantorena, la regia a tratti sublime del ventenne (ventenne) Giannelli, le grandi giocate di Lanza e Buti e Antonov e Vettori e Piano, la preziosità di Sottile e di Rossini (impiegato più come jolly che come libero) e le riprese elastiche e plastiche dell’uomo di gomma Colaci sono tutti elementi che hanno fatto riassaporare e rinnamorare di volley tutto il Paese, appassionatissimo davanti alla tv nella sfortunata finale di Rio 2016.

Sono però tutti elementi da cui ripartire per sognare ancora: l’Italvolley maschile ha un vuoto troppo pesante da non poter essere visto nella casella olimpica; fra quattro anni è il caso di colmarlo una volta per tutte.

PALLAVOLO FEMMINILE

Discorso e destino ben diverso invece per le ragazze di Italvolley: la spedizione di Rio 2016 capeggiata dal c.t. Marco Bonitta è stata a dir poco disastrosa, con una sola vittoria – peraltro ininfluente – contro Portorico a fronte di quattro pesanti sconfitte.

Sì che Antonella Del Core e compagne non partivano con l’obbligo di una medaglia, ma certo ci si aspettava comunque di più da una nazionale che, pur senza Piccinini e l’ultima esclusa Diouf e pur avendo in dote un grande mix di esperienza e gioventù, ha dalla sua un movimento e una tradizione troppo grandi per poter sperare di accontentarsi.

Le sconfitte contro Serbia, Cina, Olanda e USA, per quanto preventivabili, hanno lasciato tanta amarezza perché Italvolley spesso e purtroppo non ha giocato, mostrando lacune caratteriali che è il caso di colmare al più presto.

Marco Bonitta, come già si sapeva, ha lasciato il suo incarico al termine della deludente esperienza olimpica; al suo posto ora è stato nominato un c.t. a interim, Cristiano Lucchi, già allenatore del Club Italia nell’ultima stagione.

Secondo le voci ufficiali, sarà lui a guidare le ragazze nel torneo di qualificazione agli Europei del 2017 in attesa che la panchina venga presa dall’attuale tecnico di Conegliano Davide Mazzanti durante il prossimo anno.

La speranza è che rialzi in fretta la china anche l’Italvolley femminile, che d’ora in avanti sarà priva dell’immensa capitana Antonella Del Core (ritiro post-Olimpiadi) e attende di conoscere se Leo Lo Bianco potrà mettersi alla testa delle giovani rampanti della pallavolo nazionale.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*