ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Rio 2016, calcio: Brasile in trionfo, ma che fatica bestiale vincere in casa!
Rio 2016, calcio: Brasile in trionfo, ma che fatica bestiale vincere in casa!
Neymar oro olimpico col Brasile a Rio 2016, foto Getty

Rio 2016, calcio: Brasile in trionfo, ma che fatica bestiale vincere in casa!

Il Brasile ce l’ha fatta: oro olimpico nel torneo di calcio di Rio 2016: ma quanta fatica per la Selecao di Neymar, a rischio eliminazione e poi risorta col titolo che mancava in bacheca.

L’oro conquistato da Neymar e compagni nella notte della festa al Maracana – che sognava un finale così anche due anni, prima che il Mineirazo firmato 7-1 Germania facesse esplodere la vergogna calcistica sui carioca… – è arrivato infatti alla fine di un torneo costellato di tanti mugugni e polemiche.

Il Brasile ha sofferto e patito tutta la tensione nervosa nei primi due incontri del torneo, terminati 0-0 contro le per niente irresistibili nazionali del Sudafrica e dell’Iraq; poi, nel momento del bisogno, qualcosa si è finalmente acceso, e il poker dato alla Danimarca ha finalmente fatto esplodere la cortina dell’ansia e del panico che aleggiava sulla testa della selezione di Rogerio Micale.

Da lì in poi i verdeoro non hanno sbagliato più: 2-0 alla Colombia, addirittura il 6-0 all’Honduras come biglietto da visita per presentarsi in finale contro la seppur ottima Germania di Hrubesch, selezione con fuoriquota di esperienza come i gemelli Bender e Pedersen ma imbottita anche di tantissimi talenti dal futuro assicurato, come Ginter, Klostermann, Meyer, Max e Gnabry (che con Pedersen ha condiviso alla fine il primato della classifica cannonieri con 6 gol).

L’epilogo del Maracana non poteva avere finale più emozionante, e drammatico, dei calci di rigore, fra due nazionali che si sono praticamente equivalse per tenore di gioco e spirito di squadra. La medaglia d’oro è andata al Brasile nel modo più palpitante, col rigore decisivo calciato – guarda un po’ – da Neymar: tutti contenti così, a parte i tedeschi, con i brasiliani che per la prima volta si sono messi la medaglia olimpica più preziosa intorno al collo e con O’Ney che alla fine ha promesso “mai più capitano del Brasile”. Troppa pressione addosso, difficile dargli torto…


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*