ULTIME NEWS
Home > Mondiali di Calcio Brasile 2014 > Mondiali Brasile 2014: Problemi della repressione politica
Mondiali Brasile 2014: Problemi della repressione politica

Mondiali Brasile 2014: Problemi della repressione politica

Nel 31 marzo del 1964 terminava il governo di Joao Goulart, che ha avuto numerosi problemi a causa della stagnazione economica e delle manovre della CIA. Da quel momento in poi sarebbe cominciata la dittatura più lunga dell’America Latina, che durò 21 anni.

Durante questo periodo, il calcio divenne strumento di propaganda e servì a coprire torture e problemi popolari. Proprio in quel tempo il Brasile vinse i primi due mondiali della sua storia, e consecutivi tra l’altro: in Svezia nel 1958 e in Cile quattro anni dopo.

Come ben sai, durante questo anno è il Brasile che ospiterà i Mondiali, e pertanto tutti ricordano gli spettri di quel passato preoccupante: numerose persone domandano a gran voce la mandata via del componente della Federcalcio Josè Maria Martin.

Si ricorda che quest’ultimo è stato accusato aver ordinato l’uccisione del giornalista Vladimir Herzog nel 1975: di fronte a lui si trova Romario, deputato socialista, che lo accusa pubblicamente di essere un assassino.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*