ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie A 2ª giornata: Roma da spreco a Cagliari; genovesi a gonfie vele, valanga-Toro
Serie A 2ª giornata: Roma da spreco a Cagliari; genovesi a gonfie vele, valanga-Toro
Belotti. Foto Agenzia Bruno Peruzzini

Serie A 2ª giornata: Roma da spreco a Cagliari; genovesi a gonfie vele, valanga-Toro

Si è conclusa la 2ª giornata di Serie A. La Roma si fa riacciuffare sul 2-2 a Cagliari; genovesi a 6 punti col Sassuolo, vincono pure Toro, Fiorentina e Udinese.

La prima notizia è che come una settimana fa non c’è stato alcuno 0-0. Le uniche squadre a non essere andate a segno in questa tornata restano la Lazio ieri, 0-1 in casa contro la Juventus, e il Chievo stasera con il k.o. per 1-0 in casa della Fiorentina.

Passo indietro a oggi pomeriggio. La notizia è che l’Inter di Frank De Boer fa tutto tranne che decollare, anzi col Palermo a San Siro prima rischia il tracollo col gol fortunoso di Rispoli (deviazione decisiva di Santon che beffa Handanovic) poi riesce a risorgere con la zuccata di Icardi. I nerazzurri sprecano tanto, è vero, al cospetto di una squadra rosanero organizzata ma tutt’altro che irresistibile, ma dopo due giornate il punto è solo uno e la casella delle vittorie in Serie A è malinconicamente vuota: il tempo comincia già a scarseggiare.

Iniziamo dalla Roma: i giallorossi di Spalletti si mostrano ancora una volta con l’anima doppia da dr. Jekyll e mr. Hyde, perché vanno avanti sullo 0-2 grazie al rigore di Perotti (fallo di Isla su El Shaarawy, terzo penalty stagionale per l’argentino) nel primo tempo e alla rete di Strootman a inizio ripresa – l’olandese tra l’altro torna al gol due anni e mezzo dopo. Poi però la Maggica spegne la luce e si fa riacciuffare dal gol pesantissimo dell’ex Borriello e da Marco Sau a due minuti dalla fine. Nel finale Florenzi spreca addirittura il 2-3, ma per la Roma i problemi d’identità e di tenuta mentale restano.

Chi invece vola a punteggio pieno al fianco sono le due genovesi e il Sassuolo. Il Genoa fa il corsaro pure a Pescara, “casa” del Crotone, con lo stesso andamento tenuto una settimana fa al Ferraris: in svantaggio con l’ex Palladino – primo gol dei Pitagorici in Serie A – nel primo tempo, il Grifone dell’altro grande ex Juric raccoglie i suoi frutti nella ripresa col gol del subentrato Gakpé e con la splendida doppietta di bomber Pavoletti. Finisce 1-3, Genoa lanciatissimo in testa.

In coabitazione suo malgrado con l’altra faccia di Genova: la Sampdoria di Giampaolo infatti replica e batt 2-1, stavolta in rimonta, l’Atalanta di Gasperini. Vantaggio ospite con Franck Kessié (che si conferma rivelazione di questo inizio sprint di campionato), ma Muriel è di nuovo in serata di grazia, colpisce un palo, si guadagna il rigore che Quagliarella trasforma e prima dell’intervallo serve a Barreto un assist al bacio per il colpo di testa che batte il colpevole Sportiello e fa 2-1, facendo volare in alto la Doria.

dove c’è anche il Sassuolo: Di Francesco non fa sconti alla squadra della città in cui è nato e cresciuto e piega 2-1 il Pescara godendosi tutti i suoi gioielli. Con un Consigli ancora in formato super, ci pensano Gregoire Defrel prima e Mimmo Berardi (7 gol in 6 partite ufficiali, inarrestabile!) poi a indirizzare la partita sui binari giusti. A nulla vale il primo gol pescarese di Manaj: il Sassuolo vince ed è già da primato.

Si rimettono in sesto Fiorentina, Torino e Udinese. I viola regolano 1-0 il Chievo al Franchi con un colpo di testa del colombiano Sanchez al 28’, rischiano solo su un tiro di Meggiorini respinto di tacco dal giovane portiere Lezzerini (subentrato a Tatarusanu uscito per infortunio, poi colpiscono una traversa con Ilicic e tengono duro fino alla fine.

Il Torino invece straripa: nel debutto in campionato all’Olimpico Grande Torino Mihajlovic si gode la sua creatura annichilire il Bologna addirittura 5-1. È la serata del Gallo Belotti, che bagna la sua prima convocazione con una tripletta da fenomeno: da stasera è lui il capocannoniere della Serie A! In gol per i granata pure Martinez e Baselli (di nuovo: il ragazzo ex Atalanta si conferma ottimo finisseur); inutile per Donadoni il momentaneo pari di Taider, rossoblù rimandati su tutta la linea e troppo brutti per essere veri.

Infine l’Udinese: Iachini trova i primi 3 punti della stagione battendo 2-0 l’Empoli a domicilio. Si apre con un gol, di Felipe all’incrocio dei pali su azione da calcio d’angolo al 3’; si chiude con un altro, di Stipe Perica al 95’ in perfetto e potente contropiede. Karnezis eroe in almeno tre occasioni, la squadra di Martusciello si mangia un po’ le mani.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*