ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Qual. Euro 2017 Under 21, Italia di Di Biagio in carrozza: 3-0 facile ad Andorra
Qual. Euro 2017 Under 21, Italia di Di Biagio in carrozza: 3-0 facile ad Andorra
Federico Di Francesco Italia-Andorra Under 21, foto Getty

Qual. Euro 2017 Under 21, Italia di Di Biagio in carrozza: 3-0 facile ad Andorra

A La Spezia l’Italia Under 21 supera agevolmente Andorra 3-0 nella penultima gara di qualificazione a Euro 2017: decide la doppietta di Di Francesco.

La firma indelebile sulla gara la mette Federico Di Francesco, figlio d’arte dell’Eusebio tecnico del Sassuolo, nel pomeriggio del suo debutto azzurro dal 1’; nel finale gloria anche per il neroverde (allenato da papà…) Pellegrini con la volée vincente che sigla il 3-0. Ora agli azzurrini di Gigi Di Biagio a ottobre in Lituania basterà un semplice punto.

La partita sembra subito in discesa per i ragazzi della nostra Under 21, che dopo un minuto e mezzo sarebbero già in vantaggio con la correzione a porta vuota di Verre a Silverio battuto, ma l’arbitro inspiegabilmente annulla dopo parecchi istanti quando tutto è pronto per la ripresa del gioco: stranissimo, perché il centrocampista del Pescara era in posizione assolutamente regolare.

Poi lo stesso Verre e Ricci non riescono a trovare il bersaglio grosso; improvvisamente dopo la mezz’ora una fiammata andorrana viene rintuzzata miracolosamente da Cragno. L’Italia Under 21 risponde subito con Cerri e poi con Di Francesco che a porta praticamente vuota spedisce fuori. Il primo tempo si chiude nonostante tutto 0-0 e gli azzurrini imboccano lo spogliatoio visibilmente nervosi.

Nella ripresa la partita cambia decisamente volto col doppio guizzo firmato dal figlio d’arte (passato quest’anno dal Lanciano al Bologna): prima sblocca il risultato, poi con un pregevole tacco sottomisura alla Crespo raddoppia al 74’. Nel finale, dopo due traverse di Rosseti, anche Pellegrini partecipa al Di Francesco-show. L’ Under 21 chiude sul 3-0: il pass verso Euro 2017 è davvero a… un passo.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*