ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > Liga, analisi 5ª giornata: fra Barça e Atletico, gode… non il Real, ma il Siviglia
Liga, analisi 5ª giornata: fra Barça e Atletico, gode… non il Real, ma il Siviglia
Iniesta-Griezmann Barcellona Atletico, Liga. Foto Getty

Liga, analisi 5ª giornata: fra Barça e Atletico, gode… non il Real, ma il Siviglia

Liga, nella 5ª giornata il big match Barcellona-Atletico finisce 1-1 con un infortunio eccellente; il Real frena col Villarreal. E così ne approfitta il Siviglia.

A BARCELLONA MESSI… MALE PER UN PO’. La super sfida del Camp Nou finisce con un pareggio che fa contento, anche se parzialmente solo il Real Madrid. Avanti con Rakitic, i blaugrana si fanno agganciare da Correa un minuto dopo il suo ingresso in campo.

Luis Enrique resta con l’amaro in bocca per due motivi: primo perché il suo Barça è stato superiore per almeno un’ora e, con una vittoria, avrebbe agganciato la vetta; secondo, soprattutto, perché ha perso per circa tre settimane Leo Messi, uscito a metà ripresa per un dolore alla zona pubica.

Simeone dal canto suo resiste col solito atteggiamento cholista: pochi tiri in porta, sofferenza e catenaccio stratosferico. I Colchoneros reggono il pari e si accontentano: uscire imbattuti dal Camp Nou fa sempre bene.

Nel post-gara polemiche a distanza fra Filipe Luis e Luis Suarez, con il brasiliano che accusa il Pistolero uruguagio di aver ricevuto un colpo proibito. In giro su Twitter ci sono foto che ritraggono il piede bucato del terzino dell’Atletico… quando giocano blaugrana e colchoneros è sempre una battaglia.

LA CORAZZATA REAL FRENA, NIENTE RECORD PER ZIZOU. Il Real Madrid frena per la prima volta e perde i primi punti in questa Liga: al Bernabeu il Villarreal strappa un pari preziosissimo, che fa proseguire la propria striscia di imbattibilità e soprattutto fa perdere alle merengues la possibilità di centrare il record assoluto delle 17 vittorie consecutive.

Porta stregata per la BBC con Ronaldo e Benzema che restano in ombra per una sera; nel bene e nel male allora fa tutto Sergio Ramos, uno abituato per caratteristiche a fare e disfare: il capitano spagnolo prima prova il fallo da rigore trasformato da Bruno con cucchiaio e poi rimedia pareggiando immediatamente.

Nel Sottomarino Giallo migliore in campo il portiere Asenjo, ma brilla di nuovo l’estro di Nicola Sansone, che nella prima in carriera al Bernabeu fa benissimo, sfiorando addirittura un gol capolavoro in rovesciata.

DERBY DI FINO E CLASSIFICA LUSINGHIERA. E così, ad approfittare delle grandi che frenano, ci pensa la quarta forza di Spagna, il Siviglia: gli andalusi di Jorge Sampaoli si rimettono comodi comodi e vincendo martedì il sentitissimo derby col Betis si portano al secondo posto davanti all’accoppiata Barcellona-Atletico.

Decide una rete di Mercado di schiena al 51′ su assist di Nasri da punizione: Adan sorpreso e tricampioni d’Europa che vanno. È stata, come era facile immaginare, la solita partita maschia che caratterizza la stracittadina, con ben 5 cartellini gialli già prima dell’intervallo e l’agonismo che l’ha fatta da padrone fino alla fine del match.

PER LE BASCHE BEL SALTO AVANTI. Fra gli altri risultati, spiccano i successi di due team baschi: 1-2 in trasferta dell’Athletic Bilbao a Granada e soprattutto 4-1 della Real Sociedad al lanciato Las Palmas.

Stasera il resto del programma con Deportivo-Leganés, un pericoloso Osasuna-Espanyol e l’ultima chiamata per il Valencia contro l’Alaves.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*