ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie A, respinto il ricorso del Sassuolo: col Pescara resta il k.o. a tavolino
Serie A, respinto il ricorso del Sassuolo: col Pescara resta il k.o. a tavolino
Ragusa Sassuolo Serie A. Foto calciofan76.jpg

Serie A, respinto il ricorso del Sassuolo: col Pescara resta il k.o. a tavolino

Niente da fare per il Sassuolo: respinto il ricorso dei neroverdi dopo la sconfitta 3-0 a tavolino con il Pescara, il risultato è confermato.

Per la squadra di Eusebio Di Francesco viene dunque confermato il k.o. sancito per il match dello scorso 28 agosto Sassuolo-Pescara, valevole per la seconda giornata del campionato di Serie A. La corte d’Appello Nazionale ha infatti respinto l’istanza, come si evince dallo stesso comunicato della Federazione Italiana Giuoco Calcio: «La prima Sezione della Corte Sportiva D’Appello Nazionale ha respinto il ricorso del Sassuolo».

La nota fa infatti riferimento a quanto accaduto nel corso di Sassuolo-Pescara: fra i 22 scesi in campo ci fu anche a un certo punto il subentrato Antonino Ragusa, che però non figurava nell’elenco ufficiale dei 25 calciatori che da prassi deve essere trasmesso alla Lega prima dell’inizio di ogni match dalla singola squadra.

«Considerato che l’inserimento di tale nominativo nell’elenco di 25 calciatori – come si legge nel referto del Giudice Sportivo – non era stato trasmesso alla Lega a mezzo Pec entro le ore 12 del giorno precedente la gara, come tassativamente previsto dalla vigente normativa federale (CU 83/A del 20 novembre 2014), e che tale omissione comporta la sanzione della perdita della gara (ibidem n.9) ai sensi dell’art. 17, comma 5, lett. a) CGS».

Nessuno scossone dunque nella classifica della Serie A. Tutto resta perfettamente immutato, col Sassuolo che resta a quota 9 punti (dopo tre vittorie e quattro sconfitte, da ultimo il rocambolesco k.o. per 4-3 contro il Milan a San Siro) e il Pescara che conserva i sei punti (con una sola vittoria sul campo e, da ultimo, la sconfitta interna col Chievo per 2-0).


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*