ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Uci, allo Yorkshire i Campionati Mondiali di ciclismo su strada 2019
Uci, allo Yorkshire i Campionati Mondiali di ciclismo su strada 2019

Uci, allo Yorkshire i Campionati Mondiali di ciclismo su strada 2019

Il Comitato Direttivo dell’Unione Ciclistica Internazionale, riunito a Doha, ha ufficializzato la sede che ospiterà i Campionati Mondiali di ciclismo su strada 2019: sarà lo YorkshireGran Bretagna.

È in corso la rassegna iridata in Qatar, ma in una settimana a dir poco rovente, e non soltanto per le temperature esterne, in cui urgono decisioni in merito a molte questioni relative alla prossima annata, l’Uci assegna un consistente numero di eventi del variegato panorama ciclistico.

Per quanto riguarda la strada, il prossimo anno sarà la città di Bergen (Norvegia) ad ospitare, come noto, i Mondiali, mentre nel 2018 toccherà all’Austria con Innsbruch. In attesa di scoprire il destino di Vicenza, candidata per il 2020, lo Yorkshire festeggia l’assegnazione del 2019. Un grande traguardo raggiunto, quello della contea inglese, che negli ultimi anni è stata teatro di prestigiose gare del calendario internazionale, compresa la Grand Depart del Tour de France 2014, quello vinto da Vincenzo Nibali. Ora l’occasione di organizzare la kermesse che assegna le maglie iridate.

Sono state contemporaneamente ufficializzate anche altre assegnazioni: in Italia si disputeranno i Mondiali di Mountain Bike-Four-cross 2017 (Val Di Sole); i quelli di Mountain Bike Marathon 2018 (Auronzo); quelli di Paraciclismo 2018 (Maniago). Per quanto riguarda la pista, invece, sarà Berlino ad allestire l’evento iridato 2020 per la categoria élite, mentre ad Aigle (Svizzera), città dove hanno sede gli uffici dell’Uci, i Mondiali juniores 2018 e 2020. Per quanto concerne la BMX, infine, sarà Zolder (Paesi Bassi) 2019 e Houston (Stati Uniti) 2020.

Radunata in Qatar, l’Uci dovrà affrontare in questi giorni nodi cruciali relativi a ciò che sarà il calendario internazionale il prossimo anno: quante saranno le squadre WorldTour, dal momento che la riforma ne prevederebbe 17, ma allo stato attuale ne risultano 18? Cosa ne sarà delle nuove gare del circuito internazionale e come sarà gestito il sistema degli inviti? A queste ed altre domande si dovranno dare risposte certe.


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*