ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Icardi-Inter, com’è andata a finire: i nodi di una questione (ir)risolta
Icardi-Inter, com’è andata a finire: i nodi di una questione (ir)risolta

Icardi-Inter, com’è andata a finire: i nodi di una questione (ir)risolta

Icardi-Inter, pace sembra fatta: la società ha dato una mini stangata al suo capitano, ma i rapporti fra MI9 e la Curva Nord sembrano ormai deteriorati…

Il club ha infatti multato il bomber argentino, ritirato il suo libro e fatto pubblicare una lettera di scuse. Il buonsenso ha comunque suggerito alla società interista di non revocare la fascia di capitano a un giocatore, Icardi stesso, che aveva minacciato di spedire un centinaio di sicari argentini amici suoi ai curvaioli che lo avevano contestato dopo Sassuolo-Inter della scorsa stagione.

Tutto è partito, come si saprà, dall’autobiografia scritta dall’argentino che ha scatenato il vespaio dello scorso fine settimana, culminato con lo striscione anti-Icardi di una parte di San Siro, col penalty sbagliato contro il Cagliari e con i fischi di una bella fetta di stadio (mentre altri tifosi hanno provato a difenderlo e a risollevargli il morale).

Dunque a San Siro si è assistita a una specie di spaccatura nel mondo interista, fra pro-Icardi e anti-Icardi: chi ha ragione? Chi ha maggior voce in capitolo? La società non ha usato il pugno di ferro contro il suo capitano un po’ per convenienza un po’ seguendo la logica del buonsenso: alla fine la strada del compromesso è sembrata la più opportuna per non destabilizzare un ambiente già fragile e in attesa da anni della risurrezione sportiva. Gli ultra cosiddetti “cattivi” hanno accettato il responso: va bene, ma Icardi non sarà più il loro capitano.

Pace fatta? Così sembra; la banda De Boer ne avrebbe un gran bisogno, ma la situazione resta a dir poco esplosiva: sullo sfondo restano gli sgarri di mezz’estate firmati Wanda Nara, che propose il suo nuovo marito al Napoli minacciando l’addio al nerazzurro e ottenendo così il ritocco, molto corposo, del contratto e le mancate approvazioni dei vari Maradona e Messi, con la Pulce che sembra non gradire Maurito nella rosa dell’Albiceleste.

Sullo sfondo ci sono, soprattutto, le tre prossime partite che per l’Inter diranno tanto se non tutto: Southampton in Europa League e Atalanta e Torino in campionato saranno forse il vero banco di prova per l’Inter-a squadra di De Boer, a un passo dalla liquefazione a nemmeno un quarto di stagione. La querelle Icardi-Inter ha aggiunto ulteriore combustibile al fuoco: bisognerà vedere se il tutto sarà derubricato come fuoco di paglia o inizio di un incendio gravissimo.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*