ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Europei pista 2016, 4^ giornata: Ganna d’argento
Europei pista 2016, 4^ giornata: Ganna d’argento

Europei pista 2016, 4^ giornata: Ganna d’argento

I Campionati Europei di ciclismo su pista arrivano alla 4^ giornata di gare e non mancano le emozioni. A cominciare dall’Italia, che ritorna a podio grazie a Filippo Ganna, argento nell’inseguimento individuale.

Campione mondiale in carica di specialità, col titolo conquistato lo scorso marzo a Londra, l’azzurro va vicino anche al titolo continentale, ma deve arrendersi in finale al francese Corentin Ermenault, che ferma il cronometro dei 4 km su 4.18.778. Non basta all’italiano il 4.19.084 per portare a casa la medaglia d’oro, ma è comunque un grande risultato per il nostro rappresentante, costantemente ai vertici di questa stagione, in strada come in pista.

Appena una settimana fa, infatti, l’abbiamo visto correre a Doha il Mondiale su strada, dove quest’anno ha colto, tra le altre, la Parigi-Roubaix Espoirs e l’argento a crono ai campionati europei. Un meritato riposo spetta ora a Filippo Ganna, che il prossimo anno passerà professionista con la TJ Sports-Lampre.

Ottavo posto per Michele Scartezzini nella corsa a punti: l’azzurro si destreggia piuttosto bene, ma a comporre il podio ci pensano il danese Niklas Larsen, autore di una prova eccezionale malgrado i soli diciannove anni (83 punti messi in cascina grazie ad un giro guadagnato); il belga Kenny De Ketele, conoscenza anche su strada con la maglia della TopSport Vlaanderen; il bielorusso Raman Ramanau.

Parla russo lo sprint individuale maschile: medaglia d’oro per Pavel Yakushevskiy (10.495), che batte in finale l’olandese Roy Van den Berg (10.970). Bronzo per l’ucraino Andriy Vinokurov, che ha la meglio nella finale di consolazione del tedesco Eric Engler. Eliminati in fase di qualificazione gli italiani Luca e Davide Ceci.

Podio sfiorato per Elisa Balsamo nell’omnium femminile: la talentuosissima piemontese, oro ai mondiali su strada, finisce al quarto posto dopo le quattro prove che compongono la specialità. La vittoria va alla britannica Katie Archibald, già trionfatrice nell’inseguimento individuale e capace di totalizzare 141 punti; secondo posto per un’altra atleta infaticabile, l’olandese Kirsten Wild, che si ferma a quota 133. Bronzo per la belga Lotte Kopecky (127). Sono 122 i punti accumulati dalla pistard azzurra.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*