ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Bilanci squadre 2016: Orica-BikeExchange
Bilanci squadre 2016: Orica-BikeExchange

Bilanci squadre 2016: Orica-BikeExchange

Amici di Mondiali.net, benvenuti ad un nuovo appuntamento con i bilanci delle squadre 2016. La formazione al centro della nostra attenzione è la Orica-BikeExchange.

Una grande annata per gli aussie boys: due Classiche-Monumento e due podi nei Grandi Giri bastano per comprendere quanto di buono hanno fatto i ragazzi diretti da Shayne Bannan. Il team, inoltre, sta lentamente mutando la sua essenza e, da corazzata da pianura, si sta trasformando in agguerrita compagine da grandi gare a tappe. Merito di tre giovani talenti che quest’anno hanno dimostrato di che pasta sono fatti.

Il primo di questi è Esteban Chaves, il colombiano dal volto pulito, colui che, esploso alla Vuelta 2015, ha confermato quanto di buono ci si aspettava ed è stato protagonista di un anno magnifico: al Giro d’Italia è giunto secondo alle spalle di Vincenzo Nibali; alla Vuelta a Espana terzo dietro Quintana e Froome, ma davanti a Contador; a fine stagione, poi, la conquista delle storiche classiche italiane Giro dell’Emilia e soprattutto Il Lombardia. Una monumento è sua, dunque, ora non resta che andare a caccia del trono in un Grande Giro già a partire dal 2017.

I secondi sono i due gemelli britannici Adam e Simon Yates: Adam ha sfiorato nientemeno che il podio al Tour de France, mentre Simon si è classificato sesto alla Vuelta. Qualche stagione fa c’erano i fratelli Schleck, la cui storia sappiamo com’è finita; il vero spettacolo in famiglia potremmo finalmente vederlo con i due classe ’92 di Bury.

Chi ha deluso le aspettative risponde al nome di Michael Matthews. Una vittoria al Tour de France (tappa di Revel) non è certo da sottovalutare, così come le affermazioni tra Down Under e Parigi-Nizza ad inizio stagione e il quinto posto all’Amstel Gold Race; ma vi è la forte impressione che l’australiano sia stato meno presente che in passato in taluni appuntamenti clou come la Sanremo o il Mondiale di Doha, in cui, pur col quarto posto finale, non si è mai messo in evidenza.

Ancora una stagione sfortunata per Simon Gerrans, vincitore del Tour Don Under a inizio anno, ma poi bloccato dai soliti continui incidenti che ne hanno minato le prestazioni. Una frazione del Romandia unico acuto di un deludente Michael Albasini.

Per le Classiche sono mancati Matthews e Gerrans, ma è spuntato Mathew Hayman, che a 38 anni è riuscito a tagliare per primo il traguardo del velodromo di Roubaix imponendosi nella Regina delle Classiche con grande stupore di tanti. Non si può parlare di futuro roseo nel suo caso, ma è proprio il caso di dire che, in certi casi, una corsa vale un’intera carriera. Per le volate, invece, accanto ad un Caleb Ewan che prosegue il suo percorso di crescita portando una classica WorldTour come il GP Amburgo, ecco spuntare il ventitreenne danese Magnus Cort Nielsen, che ha dato il meglio di sé nel finale di stagione, alla Vuelta in particolare.

Buone doti di passista e spunto veloce contraddistinguono anche il belga Jens Keukelaire, che ha siglato l’ennesimo successo Orica nella corsa spagnola. E poi gli uomini da pianura che non hanno paura di prendere vento e danno sempre una grossa mano alla squadra: Luke Durbridge, Svein Tuft, Michael Hepburn, Sam Bewley.

Top moment. Con due vittorie in due Classiche-Monumento e due podi nei Grandi Giri diventa difficile scegliere il miglior momento della stagione. La scelta di cuore ci porta a dire Esteban Chaves al Lombardia: ha dato spettacolo e si è meritatamente preso il traguardo di Bergamo davanti all’italiano Diego Rosa.

top-rider Esteban Chaves

flop-rider Simon Gerrans

vittorie

# Corsa Vincitore
29 Il Lombardia CHAVES
28 Duo Normand DURBRIDGE/TUFT
27 Giro dell’Emilia CHAVES
26 Vuelta a España – Stage 21 – Las Rozas › Madrid NIELSEN
25 Tour of Britain – Stage 8 – London › London EWAN
24 Vuelta a España – Stage 18 – Requena › Gandía NIELSEN
23 Vuelta a España – Stage 12 – Los Corrales de Buelna › Bilbao KEUKELEIRE
22 Tour de l’Avenir – Stage 7 – Val d’Isère › Valmeinier SCHULTZ
21 Vuelta a España – Stage 6 – Monforte de Lemos › Luintra. Ribera Sacra YATES
20 Cyclassics Hamburg EWAN
19 PostNord Danmark Rundt – Tour of Denmark – Stage 2 – Rømø › Sønderborg NIELSEN
18 Prueba Villafranca-Ordiziako Klasika YATES
17 Tour de France – Stage 10 – Escaldes-Engordany › Revel MATTHEWS
16 National Championships Hong Kong – Road Race CHEUNG
15 National Championships Hong Kong – ITT CHEUNG
14 Tour de Slovénie – Stage 1 – Ljubljana › Koper KEUKELEIRE
13 Giro d’Italia – Stage 14 – Alpago › Corvara (Alta Badia) CHAVES
12 Tour de Romandie – Stage 5 – Ollon › Genève ALBASINI
11 Paris – Roubaix HAYMAN
10 Vuelta Ciclista a La Rioja MATTHEWS
9 Paris – Nice – Stage 2 – Contres › Commentry MATTHEWS
8 Paris – Nice – Prologue – Conflans-Sainte-Honorine › Conflans-Sainte-Honorine MATTHEWS
7 National Championships South Africa – ITT IMPEY
6 Herald Sun Tour – Stage 2 – Yarra Glen › Moe EWAN
5 Santos Tour Down Under GERRANS
4 Santos Tour Down Under – Stage 6 – Adelaide › Adelaide EWAN
3 Santos Tour Down Under – Stage 4 – Norwood › Victor Harbor GERRANS
2 Santos Tour Down Under – Stage 3 – Glenelg › Campbelltown GERRANS
1 Santos Tour Down Under – Stage 1 – Prospect › Lyndoch EWAN

Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*