ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Amichevoli: Spagna salva a Wembley al 96’; Francia opaca; la Croazia si Mandzu l’Irlanda del Nord
Amichevoli: Spagna salva a Wembley al 96’; Francia opaca; la Croazia si Mandzu l’Irlanda del Nord
Vardy Inghilterra-Spagna, amichevole. Getty

Amichevoli: Spagna salva a Wembley al 96’; Francia opaca; la Croazia si Mandzu l’Irlanda del Nord

Amichevoli, il calendario internazionale offre su tutto lo spettacolo di Wembley: in dieci minuti la Spagna si salva sul 2-2 con l’Inghilterra. Malino la Francia, ottima Croazia.

Quest’Inghilterra va: i bianchi di Southgate ruggiscono in faccia alla Spagna e vanno vicini all’impresona, con la Spagna di Lopetegui, che però riacciuffa la partita per i capelli e si conferma Invincible Armada d’Europa.

Apre le marcature Lallana al 9′ su rigore causato da Reina (fallo su Vardy); l’attaccante del Leicester poi raddoppia in tuffo al 48′ ed esulta in maniera particolare con i compagni, esibendosi nell’ormai tanto di moda manequine challenge.

L’Inghilterra sembra a posto, Wembley già gongola, ma la Roja proprio sul morire della partita torna incredibilmente in partita: all’89’ Iago Aspas in contropiede riapre i giochi con un gran sinistro, e al 96′ Isco s’incunea in area e con un destro angolato fredda Heaton. Finisce 2-2.

 

Pareggio anche tra Francia e Costa d’Avorio, ma a reti bianche: lo 0-0 conferma il momento non eccezionale dei vicecampioni d’Europa, già visti appannati nel 2-1 contro la Svezia. A Lens gli Elefanti ivoriani reggono perfettamente alla grandeur dei Bleus, nonostante la freschezza delle seconde linee. Non brilla, fra tutti, Pogba, sostituito all’intervallo.

 

Brilla invece eccome la Croazia: a Belfast i Vatreni di Ante Čačić si divorano la malcapitata Irlanda del Nord con uno 0-3 che non dà adito a recriminazioni. Apre le marcature lo juventino Mandzukic al 9’, confermano l’ottimo momento di forma in nazionale; arrotondano Cop e Kramaric (stupendo il gol dell’attaccante dell’Hoffenheim, bordata sotto all’incrocio).


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*