ULTIME NEWS
Home > Coppe Europee > Champions League > Champions, 5ª giornata: Juve dalle stalle alle stelle, a Siviglia rimontona 3-1 e ottavi in tasca!
Champions, 5ª giornata: Juve dalle stalle alle stelle, a Siviglia rimontona 3-1 e ottavi in tasca!
Bonucci-Marchisio-Evra Siviglia-Juventus, Champions. Twitter

Champions, 5ª giornata: Juve dalle stalle alle stelle, a Siviglia rimontona 3-1 e ottavi in tasca!

Prima vedi l’inferno, poi la fortuna gira e la serata cambia sapore: a Siviglia la Juve rischia grosso, barcolla ma poi sbanca il Sanchez-Pizjuan 3-1 e ottiene gli ottavi.

È un successo di grande spessore, quello della Juve. Perché arriva senza preziosismi e brillantezza, ma testimonia comunque la saldezza d’animo e la forza di carattere del gruppo bianconero di Allegri, forgiato per resistere ai naufragi e rialzarsi in mezzo alle difficoltà. Così la Vecchia Signora firma l’impresa su un campo, quello degli andalusi tricampioni d’Europa League, fra i più difficili di tutta la competizione.

Parte male la gara della Juve, che al 9’ su azione da calcio d’angolo avversario – un classico, quest’anno – incassa il colpo: Pareja, difensore che non segnava da quasi 2 anni (3 gennaio 2015), pesca il jolly sotto forma di destro al volo dal limite, con Dani Alves che lo lascia inspiegabilmente solo e Buffon che non può arrivarci.

La Juve accusa il colpo, Mandzukic è isolato lì davanti, nonostante abbia sulle ali due ottimi fluidificanti come Cuadrado e Alex Sandro; gli andalusi di Sampaoli si difendono eccome, mostrando a tutti perché in Europa non hanno mai preso gol quest’anno.

La svolta però arriva al 36’: Franco Vazquez, già ammonito, rifila il secondo giallo tanto evidente quanto sciocco e lascia amMudoliti compagni e tecnico. Col Siviglia in dieci la partita cambia, e in bene, per la truppa bianconera: sull’ultimo calcio d’angolo del primo tempo Mercado trattiene Bonucci in area, Clattenburg decide per il rigore. Generoso forse sì, inventato no; Marchisio va dal dischetto e freddamente trasforma. Dopo un’orrenda mezz’ora in un quarto d’ora la Juve può dire di averla raddrizzata.

A quel punto però è lecito, se non doveroso, rischiare il tutto per tutto: agli uomini di Allegri il pari servirebbe a poco ma Sampaoli, tarantolato fino all’espulsione a inizio ripresa, alza le barricate e tutto sommato il suo Siviglia non rischia granché. La Juve non è briosa, fatica da matti a centrocampo dove Pjanic è spento e senza idee, ma la difesa è energica e non va mai in ambasce, con un Rugani strepitoso e migliore in campo.

Sotto il peso del calo fisico e di uno schiacciamento generoso ma che non vasta, il Siviglia finisce punito al 39’ dalla Juve che completa il ribaltone: Leo Bonucci, in proiezione offensiva, scarica nella porta il gol dell’1-2 confermandosi uomo dai gol pesanti come macigni. Nel finale – dopo l’ingresso storico del primo 2000 nella storia della Champions, il bianconero Keanmette la firma pure Mandzukic col bel gol dell’1-3. La Juve va in paradiso: a dicembre con la Dinamo Zagabria basterà vincere per arrivarci in prima classe col primo posto in tasca.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*