ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Coppa Italia: il Chievo va di tris, 3-0 al Novara nel segno di Inglese
Coppa Italia: il Chievo va di tris, 3-0 al Novara nel segno di Inglese
Chievo-Novara, Coppa Italia. LaPresse

Coppa Italia: il Chievo va di tris, 3-0 al Novara nel segno di Inglese

Il Chievo parla due volte Inglese: la squadra di Maran asfalta il Novara e accede agli ottavi di finale di Coppa Italia in cui affronterà la Fiorentina. In gol anche Cesar.

La gelida serata del Bentegodi è servita soprattutto al tecnico clivense per schierare quei giocatori finora meno impiegati in campionato. Il Novara di Boscaglia rimane invece impallinato e intirizzito, mostrando tutta la differenza di categoria con la squadra veronese; non è riuscito ai gaudenziani di ripetere l’impresona di 15 giorni fa in Serie B, quando abbatterono l’altra squadra dell’Arena, l’Hellas, con un perentorio e clamoroso 0-4.

Sugli scudi è stato soprattutto Roberto Inglese, che dopo il gol – ininfluente ma pur sempre buono per le sue statistiche personali – di sabato a Torino si è ripetuto con una bella doppietta a spezzare le reni del Novara, squadra che alla lunga ha pagato l’imprecisione sotto porta della punta Galabinov, unico vero titolare in una squadra di seconde linee.

L’attaccante ex Pescara e Carpi ha servito un micidiale uno-due: al 27’ è partito sul filo del fuorigioco, ha saltato due difensori e ha fulminato Pacini; al 29’ ha calciato il rigore che lui stesso si era guadagnato, steso da Troest con un intervento da dietro.

Il Novara ha pure provato a rientrare con Kupisz, il migliore dei suoi, e Galabinov ma in entrambi i casi le conclusioni dei giocatori novaresi non hanno inquadrato la porta di Seculin.

In avvio di ripresa dopo 5’ Cesar, partito pure sul filo del fuorigioco, ha controllato un lancio dalle retrovie e firmato il 3-0, chiudendo la pratica qualificazione. Un successo che apre alla squadra di Maran l’impegno del prossimo gennaio con la Fiorentina: un’altra bella sfida di Coppa Italia nel segno della Serie A.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*