ULTIME NEWS
Home > Coppe Europee > Europa League, 6ª giornata: Inter-Sparta Praga è 2-1 nel deserto di San Siro
Europa League, 6ª giornata: Inter-Sparta Praga è 2-1 nel deserto di San Siro
Inter Europa League. Reuters.jpg

Europa League, 6ª giornata: Inter-Sparta Praga è 2-1 nel deserto di San Siro

In uno stadio desolatamente vuoto Inter-Sparta Praga finisce 2-1: i nerazzurri di Pioli salutano l’Europa League con una vittoria che non scaccia la crisi. Decide Eder.

È l’ex doriano il mattatore della serata in un Meazza desertico, e non solo per la temperatura rigida di Milano: la Nord diserta la curva, su cui campeggia uno striscione che è tutta un programma («Quattro sconfitte in 5 partite… questo è quello che vi meritate per il vostro impegno indecoroso… vergognatevi!!!!»), lo stadio con 4.000 spettatori in totale è praticamente tutto dei 2.500 tifosi dello Sparta arrivati da Praga e già certi del primo posto del girone della loro squadra.

Eder apre ed Eder chiude una partita scialba giocata dall’Inter-2 varata da Stefano Pioli vista le assenze per vari motivi di ben 13 giocatori. Da sottolineare l’esordio a più di un anno dall’infortunio di Andreolli e soprattutto quello assoluto in prima squadra di Pinamonti a 17 anni e mezzo: il baby interista sarà una delle note migliori della serata nerazzurra.

È infatti proprio Pinamonti ad aprire la scatola di San Siro: cross di Miangue, controllo volante del Primavera e servizio per Eder, tiro inizialmente respinto da Koubek sui piedi dello stesso doriano che fa centro.

Nella ripresa Pioli lancia in campo Perisic per Palacio, e il risultato cambia ma a svantaggio dell’Inter: all’11’ Marecek di testa gira sotto la traversa un cross teso proveniente dalla sinistra. I cechi pareggiano, e per i decibel sembra di essere davvero a Praga.

Dieci minuti dopo la squadra di Sloboda potrebbe addirittura ribaltare tutto: Andreolli trattiene Lafata in area, per l’arbitro è rigore. Dal dischetto va Dockal, ma Carrizo si distende a sinistra e devia in corner.

Proprio al 90’ così arriva l’ultimo sussulto dell’Inter in questa disastrosa Europa League: Eder si libera al limite dell’area di Michal Kadlec e segna con un preciso destro. Finisce 2-1: anche in questi tempi di vacche magre, bisogna accontentarsi di vittorie così inutili. Che però almeno possono fare morale.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*