ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Chi appende la bici al chiodo? Tutti i ritirati del 2016
Chi appende la bici al chiodo? Tutti i ritirati del 2016

Chi appende la bici al chiodo? Tutti i ritirati del 2016

Nuova stagione, tanti cambi in organico: molti corridori sono pronti al debutto tra i professionisti, molti altri appendono la bicicletta al chiodo per propria scelta o per mancanza di un nuovo contratto. In quest’articolo scopriamo quali atleti non vedremo più in gruppo nel 2017.

Tanti i nomi eccellenti. Il più celebre è senz’altro Fabian Cancellara, che ha abbandonato l’attività agonistica dopo l’oro di Rio e dopo una carriera leggendaria, ricevendo un doveroso tributo in occasione del suo saluto finale. Non meno portentosa la carriera di Bradley Wiggins, capace di vincere cinque ori olimpici (quattro dei quali su pista), di portare a casa la maglia gialla del Tour de France e di stabilire il record dell’ora che tuttora gli appartiene. Si congedano dal pubblico anche un ex vincitore del Giro d’Italia, il canadese Ryder Hesjedal, così come il protagonista degli ultimi anni sulle salite di mezza Europa Joaquin Rodriguez., che rimane nel circuito come tecnico della Bahrain-Merida.

La lista è davvero lunga, tanto nella categoria WorldTour quanto in quella Professional. Scorgiamo, tra gli altri, vincitori di grandi classiche come Johan Vansummeren (primo alla Roubaix 2011), Matthew Goss (primo alla Milano-Sanremo dello stesso anno) e Oliver Zaugg (primo al Lombardia nella medesima stagione); un talento mai veramente espresso come Frank Schleck e un corridore in grado di far man bassa di successi tra i dilettanti, per poi dedicarsi anima e corpo all’attività di gregariato tra i professionisti, ovvero Yaroslav Popovich.

In procinto di scendere dalla bici un altro gregario d’eccellenza, l’italiano Matteo Tosatto che, malgrado i 42 anni, avrebbe preferito correre ancora per un’altra stagione, ma deve fare i conti con la mancanza di un contratto. Tra gli italiani figurano nella lista anche noti rappresentanti del pedale come Tiziano Dall’Antonia, Daniele Ratto, Mirko Selvaggi e Marco Bandiera, tutti reduci dall’esperienza in Androni.

Ancora corridori di ottime qualità come i tedeschi Linus Gerdeman e Fabian Wegmann, rimasti appiedati dopo la chiusura dello Stolting Service Group; gli sfortunatissimi Jack Bobridge, costretto ad arrendersi ai problemi fisici che lo affliggono da tempo, e Gianni Meersman, improvvisamente fermato da un’anomalia cardiaca; lo scalatore Sylwester Szmyd, tante volte determinante per i successi in salita dei leader di turno; Pierrick Fedrigo, spesso in evidenza sulle strade del Tour.

Di seguito la lista completa – aggiornata puntualmente – dei ritirati.

WorldTour

Marcel Aregger (IAM Cycling)
Jack Bobridge (Trek-Segafredo)
Fabian Cancellara (Trek – Segafredo)
Sebastian Chavanel (FDJ)
Jerome Coppel (IAM Cycling)
Mario Costa (Lampre – Merida)
Gert Dockx (Lotto Soudal)
Caleb Fairly (Giant – Alpecin)
Murilo Fischer (FDJ)
Phippe Gaimon (Cannondale-Drapac)
Ryder Hesjedal (Trek – Segafredo)
Cheng Ji (Giant – Alpecin)
Carter Jones (Giant – Alpecin)
Gianni Meersman (Etixx-QuickStep)
Christian Meier (ORICA – BikeExchange)
Jean-Christophe Peraud (AG2R La Mondiale)
Yaroslav Popovych (Trek – Segafredo)
Vicente Reynes (IAM Cycling)
Michael Rogers (Tinkoff)
Joaquim Rodriguez (Katusha)
Jesse Sergent (AG2R La Mondiale)
Frank Schleck (Trek – Segafredo)
Matteo Tosatto (Tinkoff)
Maarten Tjallingii (Lotto NL-Jumbo)
Johan Vansummeren (AG2R La Mondiale)
Tom Veelers (Giant-Alpecin)
Peter Velits (BMC)
Xabier Zandio (Sky)
Oliver Zaugg (IAM Cycling)

Professional

Marco Bandiera (Androni – Sidermec)
Yanto Barker (ONE Pro Cycling)
Jean-Marc Bideau (Fortuneo – Vital Concept)
Graeme Brown (Drapac Professional Cycling)
Matthew Busche (UnitedHealthcare Pro Cycling Team)
Francesco Chicchi (Androni-Sidermec)
Boris Dron (Wanty – Groupe Gobert)
Leonardo Duque (Delko Marseille Provence KTM)
Pierrick Fedrigo (Fortuneo – Vital Concept)
Linus Gerdemann (Stölting Service Group)
James Glasspool (Novo Nordisk)
Matthew Goss (ONE Pro Cycling)
Sander Helven (Topsport Vlaanderen – Baloise)
Johnny Hoogerland (Roompot – Oranje Pelonton)
Yauheni Hutarovich (Fortuneo – Vital Concept)
Bartosz Huzarski (Bora – Argon 18)
Tomasz Kiendys (CCC Sprandi Polkowice)
Thomas Koep (Stölting Service Group)
Alexander Kolobnev (Gazprom-Rusvelo)
Christophe Laborie (Delko Marseille Provence KTM)
Travis Meyer (Drapac Professional Cycling)
Dominik Nerz (Bora – Argon 18)
Adam Phelan (Drapac Professional Cycling)
Bruno Pires (Team Roth)
Daniele Ratto (Androni – Sidermec)
Kai Reus (Roompot – Oranje Peloton)
Mirko Selvaggi (Androni-Sidermec)
Alexander Serov (Gazprom – RusVelo)
Sylwester Szmyd (CCC Sprandi Polkowice)
Pablo Urtasun (Funvic Soul Cycles)
Jef Van Meirhaeghe (Topsport Vlaanderen – Baloise)
Antoinio Viola (Nippo-Fantini)
Fabian Wegmann (Stölting Service Group)
Bradley Wiggins (Team Wiggins)

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*