ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Giro d’Onore 2016, gli azzurri del pedale celebrati dal Coni
Giro d’Onore 2016, gli azzurri del pedale celebrati dal Coni

Giro d’Onore 2016, gli azzurri del pedale celebrati dal Coni

Dopo la cerimonia dei Collari d’oro, è la volta del Giro d’Onore 2016. Tempo di bilanci e di festeggiamenti per il Coni, che riceve coloro che hanno contribuito ai successi sportivi dell’Italia negli ultimo dodici mesi. In questa circostanza sono gli azzurri del ciclismo sotto i riflettori al Foro Italico di Roma, premiati per aver ottenuto il considerevole numero di 50 medaglie nelle competizioni internazionali.

A presiedere la cerimonia, il numero uno dello sport tricolore Giovanni Malagò e il Presidente uscente della Federciclismo Renato Di Rocco. Il primo è entusiasta di quanto fatto dai corridori in questa lunga annata e osserva come, “qualche tempo fa questa federazione aveva più problemi che cose positive”, mentre oggi tutto appare capovolto.

Anche Di Rocco non esita a mostrare tutto il suo orgoglio per una “stagione ricca di soddisfazioni“, impreziosita dalle medaglie olimpiche e paralimpiche e da sei titoli mondiali, mentre chi entra nel dettaglio di quanto fatto è il coordinatore delle nazionali di strada e pista Davide Cassani. “Sette e mezzo” è il voto che il commissario tecnico romagnolo dà alla stagione, pur sottolineando come qualche grosso rammarico ci sia stato, specie se consideriamo quanto accaduto a Vincenzo Nibali a Rio.

Ciò che più conforta addetto ai lavori e semplici appassionati è la “rinascita della pista“, simboleggiata dallo splendido oro di Elia Viviani nell’omnium e dai tantissimi allori internazionali giunte dalle categorie giovanili, che lasciano intravedere un futuro di nuovo roseo dopo anni bui.

I premiati. Già citati Elia Viviani, campione olimpico della pista, e Vincenzo Nibali, vincitore del Giro d’Italia 2016. Con loro, il bronzo di Rio Elisa Longo Borghini e l’oro iridato dell’inseguimento individuale Filippo Ganna. E ancora le campionesse e primatiste del mondo dell’inseguimento a squadre juniores Elisa Balsamo e Letizia Paternoster e i medagliati paralimpici Alex Zanardi, Fabio Anobile, Luca Mazzone, Vittorio Podestà, Paolo Cecchetto, Giancarlo Masini e Francesca Porcellato.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*